Aleksandar Kukolj: La stagione di judo termina con la terza e ultima giornata del Grand Slam di Tokyo.Perde Fabio Basile

Pubblicato il autore: fabia Segui

Judo-Fabio-Basile

La stagione di judo termina con la terza e ultima giornata del Grand Slam di Tokyo. Sul tatami giapponese, categoria uomini di -90 kg, il vincitore, medaglia d’oro è stato Aleksandar Kukolj ragazzo 25enne, serbo.

Il ragazzo ha vinto contro il francese Axel Clerget sferrando mosse quali tai-otoshi per ippon, dopo un waza-ari. Occorre ricordare che i due si erano già incontrati allo slam di Abu Dhabi e già allora ad avere la meglio era stato Kukolj. Il ragazzo è decisamente capace e possente, queste le sue dichiarazioni una volta intervistato:“Due ori in poco più di un mese. Quando ho vinto il Grand Slam di Abu Dhabi ero numero 1 del tabellone. Partivo da favorito quindi, ma ho dovuto lottare, in particolare in finale. Anche qui ero numero 1 del seeding, ma a Tokyo tutto può succedere. Ho incontrato diversi giapponesi in passato e non ero mai riuscito a batterli. Oggi ce l’ho fatta, ho sconfitto due di loro, è stato difficile ma bello”.

Leggi anche:  Serie A femminile: la nuova stagione parte il 29 agosto

Passiamo ora alla categoria legata agli uomini che pesano 100 kg:

Vittoria per Kirill Denisov. Il russo, vincitore al debutto nella categoria di peso al Grand Prix di Qingdao, ha superato il bronzo olimpico a Rio, Cyrille Maret. Il francese, tre volte re di Parigi, ha ceduto all’avversario per yuko.

Passiamo alle donne:

Sarah Asahina, vince per la prima volta la medaglia d’oro, sale sul gradino più alto del podio in un Grand Slam. Sarah ha solo 20 anni e si può dire che è stata “la padrona di casa” .  Ora porta il titolo di “Campionessa mondiale” a livello cadetti e junior avendo battuto in finale per shido la 16enne connazionale Akira Sone, quasi 30 kg in meno della rivale.

Non si può non paralre della leggenda russa Alexander Mikhaylin:

Tre volte Campione del Mondo e argento olimpico a Londra 2012, il 37enne ha fatto ritorno sul tatami a Tokyo, dopo quattro anni di stop. Mikhaylin ha vinto contro il giovane giapponese Kageura Kokoro. Si tratta di due scuole diverse, due stili differenti, ma questo  poco importa, perché è il russo a vincere!

Leggi anche:  Zanardi, ad un anno dall'incidente: "Fuori dal letto"

Passiamo all’Italia! Che cosa possiamo mai raccontare parlando di atleti italiani in questa sfida tutta “judoka?”

L’unico judoka italiano presente al Grand Slam di Tokyo è il campione olimpico Fabio Basile che purtroppo non è riuscito a superare gli ottavi di finale del tabellone dei 66 kg. Come mai? E’ stato battuto dal giovane e poco conosciuto giapponese Norihito Isoda. L’azzurro ha affermato a fine gara: “Sapevo a cosa sarei andato incontro. Sono stato l’unico campione olimpico ad avere il coraggio di buttarsi di nuovo in mezzo e sono sicuro che da certi errori saprò trarne vantaggio e ritornare vincitore“. Quali errori? “Errori psicologici, non è facile portare un certo peso. Mi devo abituare“. Non sono comunque mancati i complimenti nei confronti del suo avversario, almeno per quanto riguarda il combattimento di ieri: “I giapponesi si sa che hanno una grande marcia, però oggi non ero psicologicamente forte e di conseguenza il mio judo non è stato lo stesso senza rischiare e senza fare le mie solite pazzie. Oggi quel giapponese era più forte di me“.

Leggi anche:  Serie A femminile: la nuova stagione parte il 29 agosto

Analizziamo un po i giochi del 2016 , guardiamo le statistiche, che cosa possiamo comprendere? Il risultato è interessante: Ai Giochi Olimpici di Rio ha trionfato il Giappone. Tuttavia durante la stagione è stata la Russia a collezionare il maggior numero di medaglie. Che cosa dire della Francia? La Francia completa il podio. Siamo tutti in attesa del 2017 per una nuova stagione di judo, che raggiungerà l’apice ad agosto con i Mondiali di Budapest!

 

  •   
  •  
  •  
  •