Carolina Kostner torna al successo. Primato nel Golden Spin di Zagabria

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui
172809235-86a34e84-2c24-4676-b502-930de6dfcafc

Pur con un secondo segmento della gara non da primato, Carolina Kostner è riuscita a portarsi a casa il 49° Golden Spin

Sono passati poco più di tre anni dall’ultima gara ufficiale, ma Carolina Kostner riesce ancora ad incantare. Come riportato dalla Gazzetta dello Sport, a Zagabria l’atleta azzurra riesce a far suo il 49° Golden Spin, tappa valevole per le Challnger Isu. La Kostner si è presentata con un programma libero, avendo come sottofondo ‘Nisi Dominus’ di Antonio Vivaldi. Nulla di eccezionale a dire il vero. Non un caso, quindi, che nel secondo segmento della gara la pattinatrice bolzanetese si sia ritrovata terza, dietro ad Elizaveta Tuktamisheva, detentrice del titolo mondiale ed europeo, ed Alina Leonova. Ma, con il vantaggio accumulato in precedenza, Carolina è riuscita comunque a salire sul gradina più alto del podio, con un punteggio complessivo di 196.23.

Leggi anche:  Hell in a Cell 2021, ufficializzato il match più importante dell'evento

Non eccelsa la prestazione offerta dall’azzurra. Un solo lutz doppio e nessuna combinazione triplo-triplo. Un errore per di più sul triplo loop. Di più, però, non si poteva pretendere. Ottime, invece, le movenze, una caratteristica su cui il tempo può ben poco. Molto emozionata a fine gara la Kostner: “Non mi aspettavo né di più, né di meno, è un programma calibrato su quanto faccio in allenamento. Mi dice che la direzione è giusta, ma che rispetto a certi standard sono indietro. Mishin, che è a Marsiglia per la finale di Grand Prix, mi ha scritto: ‘Alla fine non sarai euforica’. In effetti è un’altra giornata di lavoro che va in archivio. Non ha significati diversi. Ora il bello sarà capire quali sono i margini di crescita. Il passato? Ognuno affronta le proprie difficoltà, l’importante è accettare le sconfitte e andare avanti, investendo in quel che si crede. Alex? Solo auguri“.

Leggi anche:  Pallamano - Barcellona da favola: decima Champions League con l'en plein di vittorie

Al triplo flip e triplo loop è seguita la combinazione doppio Lutz-doppio loop, quindi la sequenza di passi, la trottola saltata, la combinazione doppio Axel-doppio toeloop-loop semplice, il triplo loop in combinazione col doppio toeloop, quindi il preciso doppio Axel, il triplo Salchow, concludendo con una trottola saltata, la sequenza coreografica e la trottola combinata. Allenata da una vecchia volpe come il settantacinquenne Alexei Mishin, già dalla scorsa estate, Carolina non potrà che migliorare ulteriormente.

Dopo essere tornata al successo, la pattinatrice azzurra, ultimamente divisa fra Toronto e San Pietroburgo, nei prossimi giorni sarà ad Egna, quindi molto vicino alla sua Bolzano. Questo perchè si disputeranno i Campionati Italiani, e la voglia di concorrere per un uovo titolo è tanta. Inevitabile sarà lo scontro con Roberta Rodeghiero, piazzatasi quinta agli ultimi Europei, e con Giada Russo, già per due anni consecutivi primatista della manifestazione. Vien da sè pensare che questo nuovo impegno possa essere più impegnativo rispetto alla gara di Zagabria. Venerdì, inoltre, proprio a Bolzano è prevista una esibizione all’interno del cast di Evgeny Plushenko. Dopo, ci saranno occhi solamente per gli Europei di Ostrava, previsti per il prossimo mese di gennaio. Insomma, Carolina è tornata e l’ha fatto nel migliore dei modi. Il 2017 potrebbe quindi riportarla ai fasti di un tempo.
  •   
  •  
  •  
  •