Golf, Justin Rose: “Ho trascorso i 5 mesi più belli della mia vita”

Pubblicato il autore: luigi gatto Segui

Justin-Rose-Fist-Pump

Le parole di Justin Rose alla vigilia dell’Hong Kong Open: “Ho trascorso sei-sette settimane a casa cercando di lavorare col mio gioco. Sono stato sfortunato ad infortunarmi alla schiena, forse è stato un riacutizzarsi dei problemi avuti a maggio. Ma ho fatto tutto il possibile negli ultimi mesi per cercare di essere qui. E’ stato deludente ritirarsi dall’Hero, specialmente perchè è il mio green preferito. Ho lavorato sodo per arrivarci ma giovedì non ce la facevo proprio. Non vedo l’ora di giocare domani.”

E’ stato un anno difficile per Ian Poulter, che ha sofferto diversi problemi fisici. Non è stato però un periodo deprimente per lui: “Per certi versi sono stati i cinque mesi migliori della mia vita perchè non ho mai trascorso così tanto tempo con la mia famiglia. Ma dal punto di vista professionale, è state difficile essere alla Ryder Cup nelle vesti di vice capitano. E’ stata un’esperienza difficile. Ma per me è stata una buona settimana per guadagnare esperienza. Ho partecipato a cinque Ryder Cup ma questa volta sono stato nel dietro le quinte ed è stato bello vedere tutto il dietro le quinte. Ora sento di essere in forma, non ho grandi problemi fisici e sono in grado di godermi il golf.”

Leggi anche:  Hockey su prato: i Paesi Bassi trionfano agli Europei

Danny Willett:Abbiamo preso la decisione di dare forfait per il Mondiale un paio di settimane fa perchè coincideva con l’inizio della stagione. Le mie condizioni fisiche stanno migliorando. E’ quasi impossibile essere al 100% sempre perchè viaggiamo tanto, dormiamo in letti diversi e pratichiamo uno sport che ti porta a fare movimenti bruschi. Quindi si ha sempre qualche fastidio qua e là. Penso che essere all’80-90% è già una gran cosa. Non penso che nessuno sia mai stato al 100%. Ero al 100% forse quando avevo 10 anni.

Scott Hend: “E’ un club di golf bellissimo, c’è una grande atmosfera. E’ sempre bello venire qui. Cosa ci vuole per vincere? Pazienza e un po’ di fortuna. Questo campo da golf può riservare alcune insidie quindi ci vuole anche fortuna. Come mi sento? Ovviamente è l’ultimo torneo dell’anno e sono molto stanca. Non vedo l’ora di prendere una pausa e cercare di tornare forte. Ma spero di far bene questa settimana.”

La seconda giornata del Hong Kong Open si svolgerà venerdì a partire dalle 7:00, poi sabato alle 5:30 e domenica alle 5:00.

Intanto Intervistata a Dubai dove questa settimana sta partecipando al Dubai Ladies Open, torneo che chiude la stagione di golf femminile, Chewenne Woods ha parlato del ritorno di Tiger all’Hero World Challenge, dicendosi contenta della sua prestazione dopo 15 mesi di assenza: “Non parlo con Tiger da uno o due mesi forse. Ma vederlo tornare in questo modo è stato entusiasmante. Questo è il Tiger che ci è mancato. Penso tutti siano stati contenti di vederlo fare birdies e colpi spettacolari, perchè è questo il Tiger che ricordiamo. Lui è il miglior golfista di sempre. Se può battere il record di Jack Nicklaus? Sì penso. Da quello che abbiamo visto la scorsa settimana, penso Tiger possa vincere molte altre volte. Sarà eccitante vedere come si comporterà nella prossima stagione.”

  •   
  •  
  •  
  •