Nfl, Seattle batte Los Angeles e si avvicina ai playoff

Pubblicato il autore: valerio vitali Segui

seattle-seahawks-russell-wilson
Nfl, Seattle batte 24-3 Los Angeles e prosegue la sua marcia di partite senza sconfitte

Questa notte a Seattle si è disputato l’anticipo del quindicesimo turno del campionato di NFL, tra Seattle e Los Angeles, conclusosi con la roboante vittorie dei padroni di casa per un punteggio astronomico, che non lascia spazio a fraintendimenti.

LA GRANDE STAGIONE DI SEATTLE –  Nel Thursday Night si è visto con molta probabilità una sfida tra la squadra più in forma degli Stati Uniti e quella che invece sta attraversando il suo periodo peggiore (non che i californiani ne abbiano passati di migliori durante questa stagione).
Seattle infatti nelle prime 14 uscite stagionali ha collezionato un ottimo bottino: solo una sconfitta infatti fino ad ora per questo team che punta decisamente al secondo posto nella classifica generale della “Conference”, posto attualmente occupato da un’altra grande squadra che milita nel girone “East”, vale a dire Detroit.
Secondo i bookmakers però Detroit è destinata proprio ad essere scalzata da Seattle, che da qui fino a fine stagione ha decisamente un calendario più abbordabile.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League Super Final: debutti vincenti per Ungheria, Canada, Spagna e USA

STAGIONE FALLIMENTARE PER LOS ANGELES – Stagione da dimenticare invece per Los Angeles che non è riuscita mai a dare una svolta significativa al proprio campionato. Nelle trasferte sin ora disputate dall’ex squadra di coach Fisher, non è mai arrivata una vittoria e il bottino delle prime 14 partite prima di quella di questa notte era stato davvero magro: ben dieci sconfitte!

Di certo il cambio di allenatore (forse uno dei peggiori nella storia di questo sport) avrebbe dovuto influire in senso positivo sullo spogliatoio e di conseguenza anche sulle prestazioni in campo, ma così non è stato.
Ai ragazzi di Los Angeles serve un cambio motivazionale, sebbene ora potrebbe apparire piuttosto tardivo.
Season da gettare immediatamente nel dimenticatoio per il team californiano, che ha ovviamente l’obbligo morale di pensare già alla stagione che verrà, ma anche di onorare il presente, quanto meno per evitare ulteriori brutte figure ai propri tifosi, stufi di dover sopportare una difesa così inguardabile come quella a cui si è assistito nell’ultima gara.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League Super Final: debutti vincenti per Ungheria, Canada, Spagna e USA

Il divario con Seattle è stato improponibile e già all’intervallo si è capito su quale direzione si stesse andando (10-3 il punteggio nella prima frazione di gara per la squadra di casa) e per una squadra come questa è di certo un andamento improponibile.

WILSON UOMO GARA –  Se c’è un “Man of the match” bhé, quello è Russel Wilson, quaterback dei “Seahawks” che ha decisamente rivendicato la propria forza dopo la gara non propriamente eccelsa dell’ultima uscita stagionale.
I suoi tre Touch Down sono serviti più a lui che alla squadra, che ha dominato la gara anche sotto il profilo difensivo, ma questa ulteriore prova di forza può convincere lui e tutto il resto della squadra a puntare con decisione alla conquista del Super Bowl.
Decisiva per dare forma al match è stata di certo la meta che ha portato i suoi sul 17-3. Lì, le certezze degli avversari si sono sgretolate e non è che l’ingresso in campo di Keenum abbia aiutato più di tanto, anzi.
Decima vittoria dunque per Seattle che si prenota ad essere una delle tre o quattro serie candidate per arrivare nella tanto attesa finale di Super Bowl, vendicando magari quanto accaduto due anni fa.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: