Settebello, ritorno in acqua con vittoria in World League

Pubblicato il autore: Alessandro Legnazzi Segui

Il Settebello torna in vasca dopo il bronzo ottenuto ai Giochi Olimpici di Rio. La squadra Azzurra ha debuttato in World League a Ruza, in Russia. Successo per gli uomini di Sandro Campagna per 10-7, con un piccolo sbandamento nella seconda metà di gara. Settebello ancora in fase di rodaggio, con nuovi innesti e giovani da far crescere. Positiva la prova dell’Italia della pallanuoto che conquista i primi tre punti nel (mini) girone C con Russia e Georgia.

Il primo gol è del neo capitano Figlioli dopo appena quarantaquattro secondi. Il 2-0 del debuttante Cuccovillo dopo 7’20” di gioco (da posizione mancina sfruttando a pieno la situazione di doppia superiorità numerica). Nel mezzo c’è Bodegas con una buona occasione a tu per tu con Antonov (il portiere russo ha i riflessi pronti), il lavoro di squadra tra Presciutti e Del Lungo che annullano la controfuga di Ashev e una paratona sulla conclusione potente di Kholod.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League Super Final: la Russia si riscatta, OK Canada, USA e Spagna

La Russia segna soltanto con l’uomo in più; ne infila tre tra la fine del primo e la metà del secondo tempo con Ashev, Bichkov e il capitano Kholod. Poi Figlioli in superiorità e Renzuto Iodice con una deviazione al volo su assist di Di Somma riportano avanti il Settebello (4-3 Italia a metà gara). Nel terzo tempo c’è il passaggio a vuoto sul quale il ct Campagna lavorerà nelle prossime settimane. Cala l’Italia e cresce, ovviamente, la spinta russa con i duemila in tribuna che non hanno mai smesso di incitare la squadra. Balakirev realizza il 7-6 a quattro secondi dalla chiusura della terza frazione.

Inizia l’ultimo periodo e per due volte la Russia ha la palla del +2. La difesa azzurra tiene entrambe le inferiorità; la prima volta il tiro di Bichkov scheggia la traversa, la seconda Del Lungo alza oltre il fondo. E’ la chiave della partita che prende la strada di casa proprio in questo momento; l’Italia riparte e guadagna il rigore che Gallo trasforma dopo una lunga attesa. Trascorre un minuto e mezzo ed ancora Gallo, in superiorità, segna il sorpasso decisivo. Più uno da potenziale meno due, adesso la Russia non fa più paura. Gli ultimi tre minuti sono blindati. Presciutti e Di Fulvio chiudono i conti nel finale: 7-10, il Settebello c’è.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League Super Final: la Russia si riscatta, OK Canada, USA e Spagna

Il ct Campagna è soddisfatto della partita di World League in terra russa e applaude la prestazione complessiva degli Azzurri: “Sono contento della prova in generale. E’ una buona base di partenza. Certo con un pò di errori e qualche sbavatura, ma siamo all’inizio del percorso e sappiamo di dover lavorare ancora molto. E’ stata la partita che ci aspettavamo: fisica e di grande intensità. Il momento decisivo è stato all’inizio del quarto tempo, quando loro hanno avuto due volte la superiorità numerica per segnare il +2 e noi siamo stati bravi a tenere con l’uomo in meno. Poi la doppietta di Gallo ci ha restituito tranquillità, ma tutto si è deciso in quelle due difese. E’ questa la squadra che piace a me; quella che sa soffrire e tirarsi fuori anche dalle situazioni più difficili e reggere la pressione senza paura di sbagliare. La mia squadra merita un sette in pagella“.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League Super Final: la Russia si riscatta, OK Canada, USA e Spagna

Gironi water polo world league

  •   
  •  
  •  
  •