World Surf League, quest’anno anche Leonardo Fioravanti tra i grandi del surf.

Pubblicato il autore: Mirko Madau Segui
Leonardo Fioravanti qualificatosi per la WSL 2017.

Leonardo Fioravanti qualificatosi per la WSL 2017.

Leonardo Fioravanti: la scalata verso la cima dei top 10.

Leonardo Fioravanti ha una lunga carriera da surfer professionistico alle spalle.
Inizia infatti da piccolo la sua esperienza tra le onde, in luoghi molto conosciuti per la presenza di onde abbastanza alte da essere cavalcate.
Affina la sua esperienza in posti come Maldive, Australia, Brasile ma anche Spagna e infine a Roma per gli studi.
Nel suo palmares compaiono tante competizioni da vincitore come l’Ocean 4 Teens in Italia nel 2005,  il Moustik Tour 2007 a Capbreton, il campionato Under 12 in Portogallo per essere poi selezionato per la King of the Groms.
Nel 2008 fa la conoscenza del team della Red Bull che lo immerge in una nuova realtà sportiva a partire dal 2009 con il team inizia a partecipare al Pro Junior ad Ericeira.
Grazie alle sue doti di surfer viene subito accettato nel team Red Bull.
Leonardo (Leo) pian piano riesce ad aggiudicarsi il 25° posto ai Quicksilver Maider e ai Quicksilver King of the Groms.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League: stasera le semifinali Russia-USA e Ungheria-Canada

La World Surf League aspetta Leonardo Fioravanti.

Spesso con la carriera prima o poi arrivano anche gli infortuni, gravi o meno che siano, fanno perdere un po di autostima e aspettative agli atleti che le subiscono facendo perdere anche del tempo prezioso per potersi allenare al meglio.
Fioravanti subisce un infortunio alle Hawaii lo scorso anno a causa di un’onda che, con la sua potenza, gli è arrivata in testa tanto da rompergli una vertebra. Questo infortunio lo ha costretto ad uno stop di 5 mesi.
Queste le sue parole in un’intervista al Corriere della Sera in cui parla del suo infortunio: “Era gennaio, una delle prime gare della stagione. Sono partito in leggero ritardo su un’onda gigantesca: mi ha travolto e sono finito come nel mezzo di una lavatrice.”Il fondale lì è bassissimo. Ho sbattuto con forza sulle rocce, quando sono tornato su non capivo cosa fosse successo. Ho solo avuto molta paura”.

Leggi anche:  Dove vedere Hell in a cell 2021, orario, canale tv e streaming

Ma Leonardo Fioravanti non si arrende, un anno dopo riesce ad entrare tra i grandi del surf e partecipare alla competizione che tutti vorrebbero vincere.
La particolarità è che lui è il primo Italiano della storia del surf a parteciparvi, a soli 18 anni, rendendolo anche il più giovane.
Nelle qualificazioni del 2016 si posiziona 6° dopo aver vinto il titolo mondiale under 18 nel 2015.
Negli ultimi 3 anni Leonardo Fioravanti ha scalato molte classifiche; ecco di seguito alcune delle competizioni che gli hanno permesso di partecipare alla WSL: lo US Open di luglio nel 2015, da dove riprende la carriera, il Maitland and Port Stephens Toyota Pro, l’Australian Open of Surfing e l’Ichinomiya Chiba Open. Queste tre vittorie sulle 5 totali gli garantiscono l’accesso diretto alle qualificazioni, ma nel 2017 dovrà affrontare fuoriclasse come Igarashi, O’Leary, Morais e altri veterani della tavola da surf mondiale.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League: stasera le semifinali Russia-USA e Ungheria-Canada

Alcuni nomi già noti dei partecipanti alla competizione del 2017.

Tra i veterani come già detto prima troviamo:  Owen Wright (AUS), Connor O’Leary (AUS),  Ethan Ewing (AUS), Frederico Morais (PRT), Joan Duru (FRA), Leonardo Fioravanti (ITA), John John Florence (HAW), Ian Gouveira (SPA) ma la lista si allunga man mano che gli atleti si qualificano. Sono molte infatti le posizioni disponibili e nessuno ci vuole rinunciare.

  •   
  •  
  •  
  •