Incidente salto con l’asta, supera la sbarra ma sbaglia la pedana d’atterraggio: è in prognosi riservata

Pubblicato il autore: Fabio Sala Segui
Incidente salto con l'asta, supera sbarra sbaglia pedana atterragio

Incidente salto con l’asta, supera sbarra sbaglia pedana atterragio

L’episodio è accaduto lo scorso venerdì 31 Marzo al campo scuola di Via Piazza a Modena. Vittima è un ragazzo di 19 anni di Torino, Jacopo Cuculo della categoria Promesse tesserato per la S.A.F. Atletica Piemonte. L’incidente è avvenuto durante un raduno Under 25 organizzato dalla Fidal (federazione Italiana Di Atletica Leggera). Il giovane è uno specialista del decathlon, una specialità sia maschile che femminile in cui ogni atleta deve gareggiare in 10 discipline diverse e che si divide in 2 giorni: nella prima giornata si svolgono i 100 metri piani, salto in lungo, lancio del pesa, salto in alto e 400 metri piani, mentre la seconda giornata si apre con i 110 metri a ostacoli e prosegue con lancio del disco, salto con l’asta, lancio del giavellotto e 1500 metri piani. Ed è proprio nella seconda giornata di prove che il giovane Cuculo è stato coinvolto in un incidente terribile.
Mentre si allenava per la prova di salto con l’asta, poco prima delle 17.00, in uno di questi tentativi è riuscito sì a superare la sbarra, ma non è poi riuscito ad atterrare sul materasso, scavalcandolo e andando oltre. Il giovane è atterrato sul campo fuori dal tappeto e ha battuto violentemente la testa a terra. Fortunatamente l’ambulanza è prontamente intervenuta e lo ha trasportato d’urgenza all’Ospedale di Baggiovara in condizioni critiche.
Jacopo Cuculo è stato ricoverato ed operato alla testa nel reparto di Rianimazione e, ad oggi, la prognosi è ancora riservata. Rimane in condizioni stabili ma molto gravi, ed è in coma controllato. La violenza dell’impatto è notevole, contando che nel punto di massima elevazione del salto con l’asta Jacopo è caduto da un’altezza di più di 5 metri. La Gazzetta dello sport sta seguendo il caso da vicino. All’Ospedale, oltre ai familiari del ragazzo, è presente anche la Fratellanza di Modena, società sportiva emiliana di atletica. Anche noi nei prossimi giorni vi terremo informati sull’evolversi delle condizioni del giovane 19enne Cuculo, sperando di riportarvi buone notizie dall’Ospedale di Baggiovara dove si trova attualmente.

Leggi anche:  Torneo olimpico di hockey su prato maschile: presentazione semifinali

Venuto a conoscenza dell’incidente capitato a Modena al giovane atleta torinese neanche ventenne, l’assessore allo Sport di Modena, il signor Giulio Guerzoni, ha voluto prima di tutto esprimere solidarietà alla famiglia del decatleta. “Voglio esprimere da parte dell’Amministrazione la totale vicinanza e solidarietà alla famiglia del ragazzo che oggi si trova in cura a Baggiovara. Già da ieri (da giovedì 30 Marzo n.d.r) l’Assessorato allo Sport è a piena disposizione per eventuali necessità“.

Un altro incidente simile a quello del giovane Jacopo Cuculo era già capitato nel Luglio del 2015, precisamente il 30 del mese estivo. Sempre durante una seduta d’allenamento, ma in questo caso a Innsbruck, in Austria. La vittima è stata la 21enne austriaca Kira Grünberg che anche lei dopo un salto con l’asta è caduta fuori dal tappeto d’atterraggio battendo la schiena. La violenza dell’impatto le ha procurato una frattura del rachide cervicale (la quinta vertebra cervicale). Questa botta le ha procurato una paralisi agli arti inferiori. Oggi l’atleta muove solo ed esclusivamente braccia e collo ed è costretta a girare in carrozzina.

  •   
  •  
  •  
  •