Roma va in buca con la Ryder Cup

Pubblicato il autore: Massimo Maglietta Segui

Ryder Cup

Finalmente è arrivata la notizia che tutti gli appassionati di golf stavano aspettando. Il governo ha trovato i soldi per finanziare la competizione e quindi nel 2022 a Roma arriveranno i migliori golfisti. La notizia è arrivata nella giornata di ieri. Un accordo raggiunto a fatica, al quale però hanno collaborato il d.g. della Ryder Cup Giampaolo Montali  e, per i dettagli tecnici, l’avvocato della Federgolf Massimiliano Montone.  Infront, il colosso dell’intrattenimento sportivo,garantirà alla Federazione Italiana di Golf quaranta milioni di euro in undici anni.

Il presidente della FIG Franco Chimenti ha dichiarato:”Un accordo di livello mondiale, i cui effetti saranno clamorosi”. Da questa competizione non solo la città di Roma, ma anche tutta l’Italia avrà un ritorno non solo a livello economico ma anche per quanto riguarda il turismo. A beneficiarne saranno anche commercianti, albergatori. Quindi sarà un’opportunità unica.

Leggi anche:  Fabio Aru ha ritrovato il sorriso. Le parole del corridore

Dopo le Olimpiadi del 2024 e i mondiali di Rugby, non potevamo farci sfuggire un’altra competizione sportiva. L’accordo con Infront prevede che in 11 anni vengano disputate 11 edizioni dell’Open d’Italia, 88 gare dell’Italian Pro Tour e 30 eventi del percorso di avvicinamento a Roma 2022. Si spera che questo evento possa rilanciare il movimento golfistico italiano e far avvicinare più persone ad uno sport poco conosciuto nel nostro paese.

Ryder Cup un’opportunità che non potevamo farci sfuggire

Il merito sicuramente va al governo italiano e nella fattispecie al Ministro dello Sport Lotti, che ha ribadito con forza la volontà di portare la Ryder Cup di Golf in Italia.  Tra le persone favorevoli allo svolgimento della manifestazione sportiva nel nostro paese c’era anche l’ex premier Matteo Renzi. Quindi possiamo dire che la promessa del governo è stata mantenuta.  Rimanendo in tema  pasquale, la sorpresa è stata bella grossa. L’uovo in questo caso non è rimasto indigesto. Questa è stata la vittoria non solo della Federazione Italiana Golf ma di tutto lo sport italiano.

Leggi anche:  Elia Viviani, anomalia cardiaca per il corridore. Le dichiarazioni

L’ultima edizione della Ryder Cup si è disputata in America, nello stato del Minnesota, e a vincere sono stati gli Stati Uniti con il punteggio di 17 a 11.  Le prossime edizioni della manifestazione, che si svolge ogni due anni, saranno quella del 2018 in Francia e quella del 2020 negli USA, nello stato del Wisconsin. Gli appassionati di golf in Italia  sperano che per la Ryder Cup del 2022, nel team Europa venga scelto almeno un italiano tra  Matteo Manassero, Eduardo Molinari e il fratello Francesco. Questi però sono discorsi un pò prematuri da fare visto che mancano cinque anni all’edizione italiana.

La Ryder Cup è un torneo che si disputa dal 1927 e fino al 1971 ha visto la sfida limitarsi soltanto a Stati Uniti e Gran Bretagna. Nel 1973 alla Gran Bretagna è stata incorporata l’Irlanda e nel 1979 il resto dell’Europa. In questo modo la sfida è stata più equilibrata. Dal 1979 fino al 2014 ci sono state 10 vittorie dell’Europa, 10 degli Stati Uniti e un solo pareggio nel 1989 con  il punteggio di 14-14. Quell’edizione della Ryder Cup si svolse in Inghilterra. Nelle edizioni europee della manifestazione sono stati quasi sempre preferiti campi britannici, tranne per l’edizione del 1997,          disputatasi in Spagna per onorare l’ex golfista Severiano Ballesteros, quella del 2018 in Francia e quella del 2022 in Italia.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: