Giovani e sport: alla base di tutto c’è l’alimentazione

Pubblicato il autore: Angelo Franchitto Segui


L’allenamento fisico ed il duro lavoro sono solo una parte della preparazione sportiva, bisogna lavorare affinché i giovani atleti diventino sempre più forti e migliorino nelle proprie abilità seguendo in maniera rigorosa gli esercizi richiesti per affinarsi e diventare competitivi per le gare.
Insomma c’è bisogno di tanto lavoro, costanza nell’esercizio, pazienza e caparbietà perché le nostre performance raggiungano gli standard ottimali per consentire ad un atleta di gareggiare al top della forma.
Perché il fisico riesca a soddisfare tutte le esigenze che ogni esercizio richiede, l’atleta sa di dover spendere molte energie e ha bisogno di forza per sostenersi e per mantenere alta la qualità dei propri sforzi durante tutto l’allenamento e la gara.

Nessuno sportivo può, quindi, prescindere dal fatto che alla base di tutta la preparazione sportiva ci sia l’alimentazione. Un discorso importante, in merito al giusto nutrimento, va fatto per gli adolescenti che si approcciano all’attività sportiva a livello agonistico.
Qualsiasi ragazzo, anche se non pratica alcuno sport, ha bisogno del proprio mix di calorie, carboidrati, grassi e proteine. Soprattutto i giovani atleti che molto spesso hanno qualche carenza legata al tipo di dieta e di alimenti che assumono in base al tipo di sport che praticano.
In età adolescenziale è fondamentale per la corretta crescita e lo sviluppo fisico dei giovani ed incide su tutto il ciclo di vita della persona. Per questo motivo è importante, per gli atleti adolescenti, che la loro nutrizione esca fuori dagli scopi di una dieta specifica realizzata per un atleta adulto che pratica un certo sport. Bisogna, invece, educare i giovani atleti ad una nutrizione completa, abituandoli a scegliere gli alimenti che gli diano forza, energia, salute e che migliorino il loro benessere.
Genitori, insegnanti ed allenatori, devono lavorare molto sulle raccomandazioni alimentari, affinché i giovani capiscano l’importanza del cibo, non solo nell’attività sportiva, ma nella costruzione di una vita vissuta nel benessere (inteso come lo stare bene, vivere in salute).
La cosa importante è fare in modo che i ragazzi e le ragazze siano seguiti nella crescita, mentre rinforzare il corpo e tonificare la muscolatura è un  migliorare (un potenziare) il fisico.

Leggi anche:  Pallamano Serie A: il punto dopo una vibrante terza giornata

Una nutrizione inadeguata per un adolescente che fa sport a livello agonistico risulta dannosa: non da la giusta energia ed indebolisce l’atleta, i muscoli non crescono, anche a livello generale non c’è una crescita del corpo (si resta bassi di statura in età adulta), a livello agonistico non si ottengono delle buone performance e col tempo non sarà più possibile migliorare le proprie abilità.
Anche l’assunzione di grassi è importante per gli adolescenti. Anche se molte diete, soprattutto per alcuni tipi di sport, hanno la tendenza ad eliminare i grassi, per un adolescente che fa sport essi sono comunque indispensabili.
I grassi servono a dare energia, potenza e resistenza. Migliorano la prestazione di un esercizio e sono importanti per gli atleti adulti che fanno sport a livello professionistico.
Non è possibile eliminare i grassi dalla nutrizione di bambini ed adolescenti. Basti pensare che i giovanissimi assorbono dal 20% al 30% delle loro energie proprio dai grassi.
Dell’importanza della nutrizione e di come essa sia legata alle nostre performance se ne è parlato anche in occasione dell’EXPO di Milano nel 2015.
Come dicevano gli antichi saggi: “La mente migliore risiede in un corpo sano.” Allora promuoviamo l’attività fisica e lo sport per i piccoli e per i giovani, ma sempre tenendo presenti le raccomandazioni di una buona, corretta, completa e sana alimentazione.

  •   
  •  
  •  
  •