Mondiali dragon boat, a Venezia oltre 2.000 persone sui dragoni del mare

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui

La locandina ufficiale dei Mondiali per club didragon boat

Venezia capitale del dragon boat. Da domenica 3 a venerdì 8 settembre la città lagunare è pronta infatti ad accogliere i Mondiali dragon boat, la tradizionale disciplina di origine cinese che vede scendere in acqua imbarcazioni a 20 (dragoni) o 10 (mini draghi) rematori che pagaiano all’unisono al ritmo del tamburo. Per gli organizzatori dell’evento sarà una grande occasione per dimostrare che Venezia può ospitare i grandi eventi degli sport del remo, all’insegna di agonismo, spettacolo e soprattutto rispetto di quelle che è per eccellenza la città d’acqua.

I Campionati Mondiali per Club di dragon boat, in programma dal 3 all’8 settembre, coinvolgeranno circa 2.000 persone – 1.600 atleti, 300 accompagnatori e un centinaio di volontari – e vedranno in acqua 65 club provenienti da 16 Paesi:  Cina, Filippine, Gran Bretagna, Germania, Hong Kong, Iran, Italia, Moldavia, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Svizzera, Ucraina, Ungheria e Stati Uniti, Svezia.

Leggi anche:  L'Italia vince gli Europei di Polo femminile

Le gare si svolgeranno sulle distanze dei 200, 500 e 2.000 metri. Da martedì 5 a giovedì 7 gli equipaggi si sfideranno nella location del Tronchetto, spazio d’acqua antistante il Ponte della Libertà, il ponte che collega l’isola di Venezia alla terraferma, mentre nell’ultimo giorno di gare ci si sposterà nella suggestiva cornice dell’Arsenale, dove un tempo si costruivano le imbarcazioni a Venezia, che sarà palcoscenico delle sfide sulla distanza lunga dei 2.000 metri su un circuito ellittico con rettilinei e giri di boa dove si svolgeranno gare ad inseguimento.

«Accoglieremo appassionati da 16 paesi e l’obiettivo è farli regatare a Venezia senza intaccare la normalità di una città, nella quale per la prima volta, con grande orgoglio e senso di responsabilità, portiamo un Mondiale in grado di abbinare una grande competizione sportiva a un turismo di qualità – la sfida di Andrea Bedin, presidente del Comitato Organizzatore della Venice Canoe & Dragon Boat che organizza l’evento che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Venezia, Regione del Veneto e Presidenza del Consiglio dei Ministri -. L’auspicio è che questo appuntamento possa fare da apripista e fungere da stimolo per altre competizioni agonistiche di remo e pagaia a Venezia».

Oltre alla partecipazione degli equipaggi agonisti, saranno al via anche Studenti, Social, Corporate aziendali e Breast Cancer Survivors. A quest’ultima classe appartengono le Donne in Rosa, equipaggio formato da atlete operate al seno che utilizzano la disciplina del dragon boat come attività riabilitativa e forma di aggregazione post trauma. Il programma delle gare (orari di massima dalle 8.30 alle 17) prevede l’arrivo delle rappresentative domenica 3 settembre, con tre equipaggi misti a sfilare nel Corteo Storico-Sportivo in Canal Grande in occasione della Regata Storica. I Mondiali dragon boat, riconosciuti dalla Federazione Italiana Canoa e Kayak e dall’International Canoe Federation, sono stati presentati venerdì 1 settembre a Ca’ Farsetti, sede del Comune di Venezia. «Vogare significa diffondere la cultura di Venezia e questi Mondiali tramanderanno la nostra tradizione con il giusto rispetto per la città – sottolinea Giovanni Giusto, consigliere delegato alla “Tutela delle Tradizioni” del Comune di Venezia -. Questo evento straordinario sarà una grande occasione di confronto internazionale, un esempio da seguire perché non è vero, come dimostrano gli organizzatori della manifestazione, che a Venezia non è possibile accogliere lo sport agonistico di alto livello”.

  •   
  •  
  •  
  •