Alessio Sakara rassicura i tifosi dopo la sconfitta. Highlights video Oktagon Bellator di Firenze e tutti i risultati

Pubblicato il autore: Luca Santoro Segui
Alessio Sakara

Armen Petrosyan mantiene il titolo mondiale Iska (70 kg) contro il romeno Asmansio Paraschiv

Spettacolo doveva essere e spettacolo è stato: ieri sera al Mandela Forum di Firenze si è tenuto l’atteso gran gala internazionale di kickboxing e MMA Oktagon Bellator, che ha visto partecipare sul ring e in gabbia anche i grandi idoli di casa nostra. Tre atti, tre titoli mondiali in palio, conferme e colpi di scena (almeno per alcuni, altri avevano preventivato un epilogo del genere): la toscana d’adozione Gloria Peritore si è presa la sua rivincita contro la francese Lizzie Largilliere, che ha battuto ai punti nel match del prestige fight del primo atto, categoria 54 kg; un incontro giudicato dalla siciliana di nascita molto difficile contro una avversaria “molto tosta“.
Trionfo anche per Armen Petrosyan, che mantiene la cintura di campione ISKA nei 70 kg nella Victory World Series di thai boxe fight code rules. Nulla da fare per l’avversario, il romeno Asmansio Paraschiv, battuto nella prima ripresa e messo al tappeto da una ginocchiata dal campione Muay Thai di origine armena e naturalizzato italiano.

Il trionfo di Gloria Peritore

Brutte notizie per Nando Calzetta (ed arriviamo al match per il titolo intercontinentale ISKA 72,5 kg) che soccombe ai punti contro il francese Samy Sana; un altro transalpino (Philippe Salmon) batte l’italiano Matteo Taccini (categoria 66 kg) mentre l’opening match tra Enrico Carrara e il francese Djibril Ehouo si è risolto in parità.
La Francia ci punisce anche nella gabbia degli incontri Bellator: nella categoria 84,5 kg Gregory Babene batte per sottomissione Tony Zanko, originario dell’Albania ma toscano di adozione che si divide tra MMA e calcio storico fiorentino.

Leggi anche:  Italian Hockey League Serie A: iniziano le semifinali

Questi alcuni dei verdetti di una serata che vedeva un altro big match molto atteso dai tifosi italiani di MMA: Alessio Sakara si è giocato ieri sera l’occasione di vincere un titolo mondiale, categoria 84 kg, contro il brasiliano detentore della cintura Rafael Carvalho.

Purtroppo il Legionario si è arreso al primo round, messo al tappetto da un gancio implacabile dell’avversario. Attimi di apprensione al Mandela Forum con Sakara, rimasto privo di sensi e le cui condizioni hanno richiesto il supporto dei paramedici. Ma pochi minuti fa il Legionario, tramite Facebook, ha tranquillizzato i suoi supporters spiegando cosa sia successo e rassicurandoli sulle sue condizioni di salute. Queste le sue parole:

Quando perdi, non perdere la lezione.
Quella di ieri non é stata sicuramemte la serata che io desideravo e che voi immaginavate.
Merito al campione perché é stato più bravo.
Purtroppo dal momento in cui sono caduto all’arrivo negli spogliatoi ho avuto un black out, tutto il mio staff era preoccupato per la mia salute perché ero disorientato e non ricordavo più nulla. Ho fatto una tac di controllo e grazie a Dio tutto ok… Sto bene!
Oggi non ho vinto ma sicuramente continuerò a fare quello che amo, di certo non mollerò di un centimetro come ho sempre fatto nella mia vita e se non sarò io a portare una cintura in Italia, ci saranno sicuramente altri italiani che avranno la possibilità di regalarci questo sogno.
Ringrazio tutti perché già il fatto che eravate in tanti a fare il tifo fa capire che il movimento italiano delle MMA e degli sport da contatto sta crescendo. Mi avete dato tanto affetto e me ne date ancora con i messaggi che mi state mandando, prima o poi vi ripagherò…per adesso mi mangio un gelato, magari più di uno, per ricaricarmi un po’.. Grazie di tutto l’affetto, vi abbraccio forte a tutti

 

Tutto ok per il Legionario insomma, che potrebbe giocarsi la rivincita nel prossimo evento Bellator davanti al pubblico di casa sua a Roma, il 7 luglio 2018. Gioiscono nel frattempo gli organizzatori dell’Oktagon di Firenze, sold out e con la copertura mediatica di centinaia di Paesi al mondo (Italia esclusa, cosa abbastanza inspiegabile come ci siamo lamentati in un articolo precedente), che certifica ulteriormente l’importanza nel calendario mondiale dell’evento fiorentino. Ora tocca alla Capitale.

Leggi anche:  Olimpiadi, il Governo approva il dl: ma non è finita..

Highlights Oktagon Bellator: tutti i risultati dal match di Gloria Peritore a quello di Alessio Sakara

VICTORY WORLD SERIES – Thaiboxe Fight Code Rules
75 Kg – DJIBRIL EHOUO (FRA) vs. ENRICO CARRARA (ITA) :  Parità
66 Kg – MATTEO TACCINI (ITA) vs. PHILIPPE SALMON (FRA) :  Vittoria Salmon (ai punti)
54 Kg – GLORIA PERITORE (ITA) vs. LIZZIE LARGILIERE (FRA) : Vittoria Peritore (ai punti)
72,5 Kg – NANDO CALZETTA (ITA) vs. SAMY SANA (FRA) : Vittoria Sana (ai punti)
70 Kg – AMANSIO PARASCHIV (FRA) vs. ARMEN PETROSYAN (ITA) : Vittoria Petrosyan (KO al primo round)

BELLATOR KICKBOXING – Kickboxing
66,5 Kg – GABRIEL VARGA (CAN) vs. ROBERTO GHEORGHITA (SMR) : Vittoria Varga (KOT al secondo round)
84,5 Kg – JOE SCHILLING (USA) vs. FILIP VERLINDEN (BEL) : Vittoria Shilling (ai punti)
74 Kg – JOHN WAYNE PARR (AUS) vs. PIERGIULIO PAOLUCCI (ITA) : Vittoria Parr (KOT al terzo round)
68 Kg – HAMZA IMANE (ITA) vs. KEVIN ROSS (USA) : Vittoria Imane (ai punti)
78 Kg – GIANNIS BOUKIS (GRE) vs. RAYMOND DANIELS (USA) : Vittoria Daniels (ai punti)

Leggi anche:  Mondiali Ciclocross, programma, orario e dove vederli

BELLATOR MMA 190 
70,5 Kg – BRANDON GIRTZ (USA) vs. LUKA JELCIC (CRO) : Vittoria Girtz (KO al terzo round)
70 Kg  – LEVA OVCHYNNIKOVA (UKR) vs. ALEJANDRA LARA AZUL (COL) : Vittoria Azul (Sottomissione al terzo round)
70,5 Kg – MIHAIL NICA (ML) vs. CARLOS MIRANDA (BRA) : Vittoria Miranda (ai punti)
84,5 Kg – TONY ZANKO (ALB) vs. GREGORY BABENE (FRA) : Vittoria Babene (Sottomissione al primo round)
84 Kg – ALESSIO SAKARA (ITA) vs. RAFAEL CARVALHO (BRA) : Vittoria Carvalho (KO al primo round)

  •   
  •  
  •  
  •