Judo. Risultati Grand Slam Ekaterinburg. Tre medaglie per l’Italia

Pubblicato il autore: NoemyCannata Segui

Si è svolta in Russia un’altra tappa del Worl Judo Tour 2018 firmato IJF, il Grand Slam Ekaterinburg, il 17 e 18 Marzo scorsi.
A prendere parte alla competizione, come da consuetudine, tantissimi Judoka provenienti da tutto il mondo,  34 nazioni e 251 Judoka, per la precisione. Anche l’Italia ha schierato i suoi atleti, ben 8 di cui 3 arrivati sul podio.
Chi sono gli Azzurri in ordine di categoria qui di seguito.

Matteo Medves 66 kg vince diverse medaglie nella sua carriera internazionale mai però sul gradino più alto, perde il Grand Slam di Russia al primo incontro contro il francese Le Blouch Kilian.
Lombardo Manuel, 66 kg anche lui fatto fuori al primo round.
Fabio Basile nei 73 kg arriva al podio dopo una serie incontrollata di ippon, vince il primo combattimento contro Cercea Marcel, Russo, al secondo round vince per Ippon sul brasiliano Contini Marcelo e arriva ai quarti di finale che vince ancora mettendo al tappeto un altro russo Kurzhev Vali; perde la semifinale con Karapetian Ferdinand (che vincerà la medaglia d’argento) vince alla fine la medaglia di bronzo su Smagulov Zhansay.

Leggi anche:  Pallamano, Champions League: definiti gli ottavi di finale

Esposito Antonio, 81 kg, arriva al quinto posto vincendo diversi combattimenti importanti, come quello dei quarti di finale contro De Wit Frank, olandese, sempre sul podio, perde la semifinale con il giapponese Fujiwara Sotano, nella stessa categoria Cristian Parlati viene eliminato però al primo combattimento dal russo De Semenou Stanislav.
Un altro Bronzo azzurro è regalato da Mungai Nicholas nei 90 kg.
Non ce la fa nei 100 kg Lo Porchio Giuliano.
La terza medaglia di bronzo portata in Italia è quella di Edwige Gwend nei 63 kg battendo prima la russa Poliakova Iana, perde il secondo combattimento con l’olandese Franssen Juul che si piazza al secondo posto; viene ripescata e vince sulla russa Badurova Kamila; vince la medaglia di bronzo battendo la polacca Ozdoba-Blach.

  •   
  •  
  •  
  •