Europei nuoto 2018: la staffetta 4×100 stile maschile è d’argento con un super Miressi!

Pubblicato il autore: Enrico Salvi Segui

Ottimo inizio per l’Italnuoto ai Campionati europei di Glasgow: dopo l’ottimo argento di Ilaria Cusinato nei 400 misti, anche la staffetta 4×100 maschile conquista la seconda piazza, assicurando due medaglie pesanti nel giro di un’ora.

La squadra italiana, composta da Luca Dotto, Ivano Vendrame, Lorenzo Zazzeri e Alessandro Miressi, ha chiuso la propria prova in 3’12″90, a 67 centesimi dalla Russia (Ryolv, Izotov, Morozov e Kolesnikov), vincitrice in 3’12″23. Bronzo alla Polonia (Switkovski, Czerniak, Kraska, Majchrzak), terza in 3’14″20.

Discreto avvio di gara per l’Italia, che con Luca Dotto vira ai 50 metri in testa e ai 100 cambia in quarta posizione (48″63), ma a soli 2 centesimi dalla testa, occupata in tandem da Ungheria e Germania. In seconda frazione, Ivano Vendrame mantiene il quarto posto con un buon 48″73, sempre molto vicino alla Germania capolista (+0″16). Nella terza frazione si decide la gara, con il russo Morozov che fa il vuoto cambiando in testa con un cospicuo vantaggio sugli inseguitori. Lorenzo Zazzeri, con un 48″55 di parziale lascia il “testimone” ad Alessandro Miressi sempre in quarta posizione. Qui il promettentissimo azzurro (classe ’98) apre il gas e con un 50 di apertura stellare vira in seconda piazza, non lontanissimo dal russo Kolesnikov. All’arrivo la Russia riesce a mantenere il vantaggio, ma l’Italia conquista un grande argento facendo scoprire al mondo del nuoto le potenzialità di Miressi (frazione conclusa con uno strepitoso 46″99), aspettando le batterie dei 100 metri stile individuali, in programma domattina.

Leggi anche:  Pallanuoto Serie A1, 9° turno: ok le prime quattro, bene anche Savona, Milano Metanopoli e Quinto

Per gli azzurri quindi arriva la prima medaglia di una staffetta nell’era post Magnini, a conferma dell’argento conquistato a Londra ma con all’attivo un ricambio generazionale che fa ben sperare (con un’età di poco superiore a 23 anni).

Non riesce invece a ripetersi rispetto agli Europei scorsi la 4×100 stile libero femminile, che con Giada Galizi, Erika Ferraioli, Laura Letrari e Federica Pellegrini non va oltre il quinto posto (3’38″11), nella gara vinta dalla Francia (3’34″65) al fotofinish sull’Olanda (3’34″77). Terza la Danimarca (3’37″03).

  •   
  •  
  •  
  •