Atletica: Stadio Martellini a Caracalla, ristrutturazione della pista d’atletica? Individuati i fondi!

Pubblicato il autore: Andrea Danzi Segui

Stadio di Caracalla

L’atletica romana vedrà, finalmente, ristrutturata la mitica pista di atletica dello Stadio di Caracalla, intitolato nel 2005 a Nando Martellini, voce storica dello sport italiano.

“L’Assessore allo Sport e alla Qualità della Vita, Luca Pancalli, ha mantenuto il suo impegno con i cittadini intervenuti alla Commissione per la riforma e la razionalizzazione della spesa e ha individuato i fondi necessari al rifacimento della pista di atletica all’interno dell’impianto sportivo”.

L’impianto dello Stadio delle Terme di Caracalla è il punto di riferimento giornaliero per molti amanti e appassionati di atletica della Capitale. La costruzione della pista risale agli anni 70, con l’ultimo rifacimento datato 2001, un po’ troppo per sperare che il tartan resista all’uso, alle intemperie e all’incuria. La durata prevista dei lavori, che sembra essere imminente, sarà di circa tre mesi, durante i quali l’impianto rimarrà chiuso, con apertura nel 2015. La data di inizio dei lavori sarà decisa dagli utenti che verranno interpellati in merito, tramite sondaggio, per evitare loro maggiori disagi.

Attualmente, solo gli spogliatoi, ristrutturati 2 anni fa, sono in ottime condizioni, con acqua calda per le docce (a pagamento). La pista è in uno stato pietoso. In prossimità della partenza dei 100m le corsie presentano delle vere e proprie buche che causano difficoltà d’appoggio a tutti i velocisti. La prima corsia si differenzia dalle altre per il colore grigio/blu, ormai il tartan è sparito. Le pedane per i salti, a causa dell’inutilizzo o il cattivo mantenimento, hanno portato all’abbandono di una pedana del lungo e al disfacimento di 2 dei 3 sacconi per l’alto. Per quanto riguarda i lanci, delle 4 pedane per il peso solo 2 hanno il fermapiedi, le altre 2 sono inutilizzabili per competizioni ufficiali. La pedana del disco è omologata solo per il lancio del disco, escludendo, quindi, il lancio del martello. Il tratto di pista riservato al giavellotto è sollevato di qualche cm dal suolo.

2

Prima il cambio di gestione, dal Gennaio 2013 è passato alla FIDAL, e ora i fondi per la ristrutturazione. A questo punto, i runners romani, stanchi di affrontare continui risentimenti tendinei causati dal fondo sconnesso, sperano che la macchina poco oliata della burocrazia italiana non si intoppi sul più bello!

3

  •   
  •  
  •  
  •