Buon compleanno, Alex Schwazer

Pubblicato il autore: Enrico Muntoni Segui

Buon compleanno, Alex Schwazer. Classe 84′, oggi uno degli atleti italiani più importanti e specializzato nella marcia compie 30 anni. Inizia a praticare l’atletica leggera a 15 anni, gareggiando nel mezzofondo, e passando alla marcia solo nella categoria allievi. Dopo un breve periodo dedicato al ciclismo, sia mountain bike che su strada, torna alla marcia. Tra i suoi maggiori successi in carriera segnaliamo la vittoria ai Giochi olimpici di Pechino 2008 del titolo nella 50 km, stabilendo anche il nuovo record olimpico della specialità in 3h37’09”. Per la sua esultanza dopo la vittoria della medaglia ai Giochi olimpici di Pechino, quando corse sotto gli spalti portando con sé la bandiera italiana, fu criticato dagli Schützenin quanto ciò fu ritenuto un atteggiamento “troppo italiano”. Gli stessi Schützen hanno continuato a fomentare la questione auspicando la formazione di una squadra di atleti “sudtirolesi”.

La sua magica carriera è stata macchiata il 6 agosto 2012, quando viene annunciato che l’atleta è stato trovato positivo all’eritropoietina ricombinante in un controllo antidoping a sorpresa effettuato dall’Agenzia mondiale antidoping il 30 luglio e viene escluso dal CONI dalla squadra della 50 km di marcia dei Giochi olimpici del successivo 11 agosto, mentre il giorno seguente sempre il CONI sospende l’atleta su richiesta del Tribunale Nazionale Antidoping. A seguito dello scandalo, si presenta ai Carabinieri di Bologna, cui appartiene, con l’intenzione di riconsegnare pistola e tesserino; viene quindi sospeso dal servizio e successivamente congedato; inoltre la Ferrero, che aveva un contratto di sponsorizzazione con lo stesso Schwazer, decide di non rinnovare l’accordo una volta venuta alla luce la positività dell’atleta. Il 23 aprile 2013 il Tribunale Nazionale Antidoping stabilisce per l’atleta una squalifica di tre anni e mezzo. Schwazer potrà tornare a gareggiare a partire dal 30 gennaio 2016.

  •   
  •  
  •  
  •