Atletica, Sebastian Coe è il nuovo presidente dell’Iaaf

Pubblicato il autore: Francesco Pellicori Segui

coe1

Atletica. É Sebastian Coe il nuovo presidente dell’Iaaf. Il 58enne ex mezzofondista succede a Lamine Diack che è stato in carica per 16 anni (il senegalese aveva preso il posto di Primo Nebiolo nel 1999). Il britannico ha vinto la corsa alla poltrona più importante dell’atletica ottenendo 115 voti contro i 92 del suo rivale Sergey Bubka. L’ex re dell’asta, uscito sconfitto, afferma che il nuovo presidente è una persona adatta a ricoprire questo ruolo poiché ha dato tutta la vita a questo sport e, l’atletica, nel giro di qualche anno diventerà una realtà sempre più seguita e praticata. Coe appare emozionato nella conferenza stampa di presentazione e a domanda specifica risponde: “Sono profondamente onorato che il nostro sport abbia riposto la sua fiducia in me. Non c’è nessun lavoro che voglio fare di più, né con maggiore impegno”. Non mancano, ovviamente, dichiarazioni relative ai controlli antidoping. “È mia intenzione, come avevo promesso in campagna elettorale, è quello di costituire una commissione antidoping indipendente. Ci sarà tolleranza zero contro chi bara. Al momento, dobbiamo riconoscerlo, nel sistema dei controlli ci sono troppe lacune che ci proponiamo di colmare con questa commissione indipendente anche se ci vorrà del tempo per organizzarla e farla andare a regime”. Chiude la conferenza stampa con una battuta. “Sono felice che il presidente Diack rimanga in carica fino alla fine del suo mandato, così posso sedermi sulla poltrona e godermi questo fantastico momento. Ancora non ci credo”.

In carriera, Coe, è stato due volte campione olimpionico dei 1500 metri piani a Mosca nel 1980 e a Los Angeles 1984. Al termine dell’attività agonistica è stato deputato alla Camera dei Comuni per il Partito Conservatore e si è reso protagonista dell’Olimpiade di Londra 2012 guidando il comitato organizzatore con successo.

  •   
  •  
  •  
  •