Mondiali di atletica 2015, le keniane Zakari e Koki Manunga positive ai controlli antidoping

Pubblicato il autore: Francesco Pellicori Segui

mondiali atletica pechino

Mondiali di atletica 2015. Speravamo di non doverne parlare in questo Mondiale ma puntualmente veniamo smentiti. È notizia di qualche ora fa che anche ai Mondiali di atletica 2015, che si stanno disputando a Pechino, sono stati trovati atleti positivi ai controlli antidoping.

Le agenzie di stampa stanno affollando il Web con la notizia che due atlete keniane, nazione che detiene il numero maggiore di onorificenze nel suo medagliere, sono state trovate positive ai controlli pre-gara. Parliamo di Joyce Zakary (400) e Francisca Koki Manunga (400 hs). Le due atlete sono risultate positive ad un agente coprente non ancora noto, probabilmente nandrolone. La notizia è stata confermata dalla stessa Iaaf che ha fermato preventivamente le due atlete.

La Zakary avrebbe dovuto correre la semifinale dei Mondiali di atletica 2015, martedì scorso ma non si è presentata. Mentre il lunedì, nella batteria, aveva fatto registrare il miglior tempo (migliorando il record nazionale con uno strepitoso 50”41), quando a luglio era scesa ai 51”14. Questo non fa altro che aumentare i dubbi sulla sua positività ai controlli antidoping.

Meno clamoroso il rendimento della giovane Koki Manunga. L’atleta 22enne, era stata eliminata al primo turno con un settimo posto in 58”96.

La positività delle due atlete keniane non fa altro che alimentare i dubbi su tutta l’intera competizione, dando più valore alle rivelazioni recenti della Ard e dal The Times delle scorse settimane.

  •   
  •  
  •  
  •