Mondiali di atletica. Non bene le italiane. Pichardo e Farah che forza. Riecco la Semeya.

Pubblicato il autore: Francesco Pellicori Segui

mondiali atletica pechino

Non sono iniziati bene per la selezione azzurra i Mondiali di atletica che si stanno disputando in queste ore a Pechino. Di fatto su 11 atleti scesi in pedana, 10 sono stati eliminati al primo turno. Solo Libania Grenot ha passato il turno per poi crollare in semifinale nei 400. Oggi toccherà a Gloria Hooper che sarà in pista nella batteria dei 200 ma anche per lei la strada appare in salita. Stasera è in programma la finale dei 400 metri maschili dove si sfideranno Kirani James, LaShawn Merritt, Masrahi (43”93 in batteria), Makwala e Van Niekerk.

Mondiali di atletica, lancio del martello femminile. È notizia di ieri che la martellista azzurra Silvia Salis non si è qualificata per la fase finale del martello femminile. Con la soglia di qualificazione fissata a 72,50, l’atleta italiana, al primo lancio, ha scagliato il suo martello a 64,43, il secondo lancio è stato nullo e il terzo a 66,80. La competizione è stata vinta dalla polacca Anita Wlodarczyk che ha lanciato il suo martello a 75,01 al primo lancio.

Mondiali di atletica, batteria dei 5000 metri maschile. La quinta giornata dei Mondiali di Atletica ha visto il ritorno in pista di Mohamed Farah. Il mezzofondista inglese, nonostante una caduta, si è piazzato secondo col tempo 13’19”44 alle spalle dell’etiope Kejelecha. La finale è in programma domenica.

Mondiali di atletica, triplo maschile. In questa competizione non ci sono state sorprese. Il cubano Pedro Pichardo, dopo un 16,94 al primo tentativo e un nullo al secondo, è atterrato a 17,43. Nel secondo gruppo si è messo in evidenza Christian Taylor che è atterrato, al secondo turno, a 17,28.

Mondiali di atletica, batteria 800 metri femminili. Nella batteria degli 800 metri, il miglior tempo è stato registrato dalla bielorussa Marina Arzamasova con 1’58”69. La sudafricana Caster Semeya (campionessa mondiale a Berlino 2009 a 18 anni, al centro di numerose polemiche legate all’incertezza del suo sesso) si è messa in evidenza mostrando una condizione atletica eccellente e si è qualificata per le semifinali arrivando terza nella prima serie in 1’59”59.

  •   
  •  
  •  
  •