Corsa Campestre – La storia del talento azzurro Yeman Crippa

Pubblicato il autore: lorenzo caruso

somok111


L’Italia, paese indubbiamente amante dello sport, soprattutto se parliamo di Calcio. Altre attività come ad esempio il Basket, il Tennis o il Rugby trovano, nel Bel Paese, un numero di seguaci molto più esiguo rispetto ad altre parti del mondo. Figurarsi allora uno sport come la corsa campestre, facente parte della Federazione Italiana di Atletica Leggera. Badate bene, quando parliamo di questa specialità, bisogna aver ben chiaro il concetto che, le luci della ribalta, alle quali si avvicinano altri sport ” di nicchia ” ( perlomeno in Italia ) come l’Atletica, il salto in lungo o la Maratona, sono ben lontane, infatti, a differenza di questi sport appena citati, come del resto, anche rispetto a molti altri, la corsa campestre non rappresenta una specialità olimpica. In sintesi, questo sta a significare che, al di là del circuito ristretto di appassionati, pochissime altre persone vengono a conoscenza delle varie manifestazioni legate a questo tipo di attività; a dirla tutta, la ” Cross Country Running “, così chiamata dai nostri colleghi angoloamericani, fu per ben 20 anni rappresentata da diversi paesi anche nei Giochi Olimpici, sia come corsa individuale, sia come competizione a squadre. Il dettaglio, non del tutto secondario è il fatto che questa disciplina, sia stata eliminata dal circuito olimpico più o meno quasi 100 anni fa, infatti la corsa campestre fu competizione olimpica dal 1904 fino al 1924, anno della ottava edizione dei giochi, tenutasi a Parigi.
E’ quindi, per le ragioni appena spiegate, facile intuire, il perché, la maggior parte degli italiani, non sia probabilmente a conoscenza del fatto che, uno dei prospetti più interessanti del panorama internazionale di corsa campestre, sia proprio un nostro connazionale. Il suo nome è Yeman Crippa, anzi, a dirla tutta, il nome completo è Yemaneberhan. Nome particolare, vero? Sì indubbiamente, proprio come la sua storia e dato che racconti come questo valgono la pena di esser condivisi con altre persone, noi ve lo proponiamo.
Yeman nasce il 15 Ottobre 1996 e la sua rincorsa verso il successo, ma ancor di più, verso la vita, comincia sin da subito. La città natale si chiama Wollo, siamo in Etiopia, ma qui, Yeman passerà davvero poco tempo. Come si legge dalla biografia personale presente sul sito della Federazione Italiana di Atletica Leggera, la guerra civile lo strappa dalla sua famiglia, catapultandolo in un orfanotrofio di Addis Abeba, la capitale. Qui, viene adottato, insieme ai suoi fratelli, da una coppia milanese, la Signora Luisa ed il Signor Roberto Crippa, con i quali Yeman si trasferisce in Trentino.
Si avvicina all’Atletica grazie al tecnico Marco Borsari e dopo la scomparsa di quest’ultimo, viene seguito dall’ex Mezzofondista delle Fiamme Azzurre, Massimo Pegoretti.
Nel palmarés del giovane Yeman, annoveriamo attualmente: una WMRA Youth Cup, ottenuta in Irlanda nel 2012, un 6° posto mondiale con la squadra Juniores, ottenuto in Polonia nel 2013 fino ad arrivare ai successi più importanti, vale a dire, in ordine cronologico, la medaglia d’oro a squadre ed individuale ottenute agli Europei di Cross Junior in Bulgaria, nel 2014 e la riconferma del primo posto agli Europei Junior del 2015, svolti a Hyères, in Francia, nei quali Yeman ha di nuovo ottenuto la medaglia d’oro nel singolare, davanti agli occhi del padre Roberto, spettatore di eccezione.
In conclusione, non possiamo fare altro che augurare a Yeman Crippa che queste siano solamente le prime soddisfazioni di una lunga carriera.

  •   
  •  
  •  
  •