Lavillenie in volo verso Toronto

Pubblicato il autore: Mario Tommasini Segui

lavillenie-renaud
Atletica leggera in progresso.
A un mese dai campionati mondiali indoor di Toronto, le stelle dell’atletica francese brillano con risultati di vertice: Renaud Lavillenie, dopo aver iniziato l’anno solare con tre sconfitte in altrettante uscite, ha ritovato successo e prestazione-super nel meeting di Clermont-Ferrand, idealmente l’erede del meeting di Donetsk.
Nell’impianto ucraino sono stati stabiliti gli ultimi due record mondiali indoor (in qualche caso primati assoluti) della specialità e ben dodici complessivamente (tre da Bubka, uno da Lavillenie, ben otto dalla Isinbayeva).
La progressione del campione olimpico sulla pedana di casa è stata esente da errori fino ai 6,02 misura del primato mondiale stagionale superata con modalità tecniche al limite della perfezione. E’ stata, invece, fallita dal campione mondiale Shawn Barber (5,91), reduce dal 5,89 di ventiquattrore prima a Glasgow, dimostrando però un’ottima vena.
Il francese ha poi tentato senza molta convinzione i 6,17 del primato del mondo. Motivatissimo, vorrà riprendersi la corona iridata a quattro anni da Istanbul, dopo il forfait di Sopot nel 2014.
Altezze settimanali.Oltre a Lavillenie e Barber, fucina di record personali anche questa settimana: il campione del mondo indoor Filippidis è salito a 5,84 sempre a Clermont-Ferrand (pur vantando 5,91 all’aperto), mentre sul fronte femminile sono progredite la statunitense Hixson e la ceca Malacova (4,62 per entrambe), la cinese Li Ling (4,70 ai campionati asiatici indoor di Doha), la venezuelana Peinado (4,52 per il primato sudamericano junior) e soprattutto il duo Stefanidi-Payne, che ha dato spettacolo nell’Armory Track and Field Center di new York, sede dell’edizione numero 109 dei Millrose Games, il meeting indoor più vecchio del pianeta.
Un primato dai Millrose Games è arrivato: per la prima volta nella storia del salto con l’asta femminile, due atlete hanno superato i 4,90 nella stessa gara. Vittoria alla greca Ekaterini Stefanidi (record nazionale) e secondo posto per Demi Payne, già in orbita pochi giorni fa con 4,88. La precedente miglior misura per una astista non vincente apparteneva con 4,85 a Fabiana Murer ai recenti mondiali di Pechino.

  •   
  •  
  •  
  •