Mondiali di marcia, Roma 2016: pronostico della 50 km

Pubblicato il autore: Mario Tommasini Segui

Pronostico aperto con la Cina favorita nella 50km dei mondiali di marcia di Roma 2016, in programma domenica prossima

In assenza del primatista mondiale, il francese Yohann Diniz (3h32’) che in mancanza di una squadra competitiva ha evidentemente puntato a preparare diversamente la gara olimpica di Rio, la Cina sembra aver assemblato la squadra più forte per la 50 km dei Mondiali di Marcia di Roma 2016.
Sono passati sei anni alla loro unica vittoria nella 50 km di squadra, mentre la loro unica vittoria individuale per questo tipo di evento risale al 1995.
Con cinque uomini che sono andati più veloce di 3:49 – nessun altro uomo nella lista dei partenti ha migliorato 03:51 – la Cina può ambire a entrambi i riconoscimenti individuali e di squadra.
Il team è guidato da 37 anni, Han Yucheng. Il Campione 2003 asiatico è arrivato secondo nella gara di prova olimpica della Cina a marzo in 3:42:43, uno dei tempi più veloci della sua carriera.
Il team comprende anche il tre volte campione del mondo Xu Faguang e Zhang Lin, che ha chiuso al sesto posto Mondiali di marcia dello scorso anno.
tallent-marcia-romaIl campione olimpico Jared Tallent {ndr per squalifica retroattiva del russo Kirdyapkin per decisione del TAS lo scorso marzo} vorrà riconquistare il titolo che ha vinto nell’edizione 2012. Il 31-enne australiano ha avuto un tranquillo 2016 fino ad ora, ma la medaglia d’argento dei campionati del mondo 2015 non mostra segni di rallentamento e si è nel frattempo riscaldato per Roma con un interessante 01:21:50 nei 20 km a Taicang (Cina) il mese scorso. Nei 50km in cui eccelle, tutte le volte che ha terminato la gara, cosa affatto scontata, Tallent ha solo una volta terminato al di fuori dei primi tre.
Quando si tratta di anzianità, però, nessuno può eguagliare Jesus Angel Garcia.
A 46 anni il campione del mondo 1993 guiderà la carica della Spagna. Questa è la sua apparizione numero 12 a questi campionati, e la sua lista di successi ha bisogno di almeno due rotoli di pagina web.
Ha vinto questa gara nel lontano 1997 in una tempesta di neve fuori stagione, e continua a sfidare le probabilità. Era nono al Campionato mondiale di Pechino 2015 a 3:46:43, e se Garcia fosse vagamente interessato a record di alto livello, la sua prestazione a livello M40 e M45 dovrebbe rimanere come record sulla distanza per l’eternità.
Sostenuta da Mikel Odriozola – egli stesso poco meno di un 43esimo compleanno, ma sfoggia un 3:54:21 nel mese di febbraio – e altri quattro spagnoli solidi, anche loro potrebbero ambire la cima della classifica.
Anche Italia e India hanno un buon set di marciatori per testare il resto della comitiva all’ombra del Colosseo.
Non c’è niente come un po’di sostegno a casa quando le cose si fanno difficili, dopo tre ore di corsa a piedi accaldati. L’italiano di lungo corso Marco de Luca punta a ripetere il 3:45:25 personali migliori due anni fa.
Sostenuto da tre compagni di squadra con personali al di sotto dei 3: 50 – tra cui il campione olimpico 2008, Alex Schwazer – il trucco per De Luca e il team italiano è quello di sopravvivere e prosperare. L’Italia ha sempre dato il meglio nelle occasioni importanti e in più giocando in casa dovrebbero avere ulteriori stimoli.
Pochi avrebbero pensato di India come una forza di corsa a piedi solo un paio di anni fa. Detto questo, con una nazione di più di un miliardo di persone, ci deve essere un quorum decente da qualche parte per quasi tutti gli sport si possano nominare.
Gurka Basanta Bahadur ha solo un modesto 03:56:48 di personale, ma fatto alle Olimpiadi 2012 e ha un 1:21:29 nella 20 km di due anni fa.
Chandan Singh ha già fatto segnare il tempo di qualificazione olimpica alla 20km, e Jitender Singh è arrivato terzo nei campionati indiani in febbraio.
Oltre all’Italia e all’India, la Polonia, la Spagna o l’Ucraina possono far bene per il trofeo di squadra.
Quest’ultima è in ascesa da quando ha preso nella 50 km il bronzo nel 2012, e poi l’argento due anni più tardi.

Curiosità: Per la prima volta in assoluto in un campionato mondiale, le donne gareggeranno al fianco degli uomini nella corsa a piedi 50 km. Del team USA, Erin Talcott è l’unica donna per la gara di quest’anno. Con il suo 04:33:22 è più veloce di tre dei suoi quattro compagni di squadra maschili nella 50 km.

lopez-marcia-roma

  •   
  •  
  •  
  •