Atletica – Giallo sulla staffetta 4×100 donne per Rio : il Ghana ci avrebbe superato e mandato fuori, ma ci sono dubbi sulla prestazione delle africane

Pubblicato il autore: Michele D. Segui

4x100-italia-620x264
Giallo sulla sorte della staffetta 4×100 italiana donne, che si dava già praticamente certa della partecipazione alle Olimpiadi, ma che nella sola giornata del 10 Luglio, ultima utile per fare i tempi utili, si è vista passare da Francia, e questo era preventivabile, ma anche da Polonia e Ghana nella classifica della IAAF che prende a riferimento i due migliori risultati delle ultime due stagioni, rimanendo quindi fuori al 17mo posto su 16 disponibili. Proprio il risultato delle Ghanesi è sotto la lente di ingrandimento della IAAF e della federazione italiana.
Le ragazze africane avrebbero corso a Cape Coast nella pista di casa in 42.67, un tempo che dire strano è un eufemismo. Le stesse atlete avevano infatti corso due settimane fa 44.05 ai campionati Africani. Anche il secondo posto delle Ivoriane, senza Murielle Ahourè loro atleta di punta, arriva con un 43.28: immaginiamo cosa avrebbero potuto fare con la loro sprinter regina.
Il Ghana cosi ottiene una media tempi di 43.17, minore del 43.25 delle azzurre, passate pure dalla Polonia con 43.22. La IAAF ha inserito nelle sue classifiche la prestazione, che quindi risulta omologata: un video su Youtube lo certifica, anche se non toglie i dubbi sul fatto che sulla pista ghanese, appena inaugurata, tutto fosse apposto in termini di omologabilità. A breve sicuramente arriveranno le risposte.

Se questa prestazione fosse confermata, sarebbe un caso sfortunato e un vero peccato, dato che la staffetta azzurra sembrava in un’ottimo trend di crescita confermato pure quest’anno da due risultati, 43.28 e 43.33, che sommati al 43.22 dello scorso anno ai mondiali, ci stavano riportando verso le posizioni che contano. Peccato per la finale del campionato europeo, dove un cambio maldestro in prima frazione ha compromesso la gara, conclusa in 43.57. Da notare anche la sicurezza palesata delle ragazze ad Amsterdam, loro che sicuramente non si aspettavano tale prestazione da parte delle Ghanesi.
Nulla toglie comunque che questo sarebbe un grosso colpo per l’attuale gestione tecnica, visto che si è riusciti a portare a Rio solo una staffetta su 4, la 4×400 donne, mentre la 4×400 maschile non è mai esistita, lontana anni luce pure dall’elite europea, mentre la 4×100 uomini è giovane e in fase di rifondazione, anche se per l’olimpiade sono mancati 10 centesimi che potevano sicuramente essere tolti con il buon potenziale dei ragazzi e anche qui con un po di fortuna, vista l’influenza che ha colpito Desalu il giorno prima della gara.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: