Europei allievi atletica – Prime medaglie per l’Italia : Oro per la Oki, bronzo per la Giampietro

Pubblicato il autore: Michele D. Segui

 

Desola oki oro nei 100 ostacoli

Desola Oki oro nei 100 ostacoli

Prime medaglie per gli azzurri agli europei allievi in Georgia, a Tblisi, con presente una nutrita delegazione italiana, con ben 60 azzurrini under 18 a dare battaglia.

Desola Oki porta a casa uno spettacolare oro nei 100 ostacoli. Con 13.30 eguaglia il primato italiano di categoria e vince la gara, dalla corsia 8. Battute la bielorussa  Zakharchuk e l’irlandese Scott, ma sopratutto la portoghese favoritissima Carvalho, autrice in semifinale di un clamoroso 13.07. E’ la prima volta che un’azzurra trionfa sulle barriere. Felicissima l’azzurra, 17 anni compiuti due giorni fa, nel dopo gara, come ci dice il sito Fidal: “Non ero io la favorita, la portoghese ieri in semifinale era andata veloce come il vento con il 13.07 della migliore prestazione europea. Senza contare che mi è capitata l’ottava corsia, quella più esterna e lontana dal cuore delle gara. Al penultimo ostacolo mi sono resa conto di essere in testa ed è partito un urlo che praticamente è durato fino al traguardo! Sono la campionessa d’Europa? Non ci credo, ma è troppo bello! Che adrenalina la maglia azzurra! E’ stato proprio un bel regalo di compleanno che ho festeggiato qui a Tbilisi insieme a tutta la squadra che mi ha fatto trovare pure la torta”

Altra medaglia arriva da un’altra 17enne, anche lei di origini nigeriane, ossia Sidney Giampietro, che arriva al bronzo nel getto del peso, non senza rimpianti. La sua misura 17.45, non la soddisfa a pieno. La giovanissima atleta aveva persino fatto il minimo per l’europeo dei grandi, ma ha preferito concentrarsi alla gara con le sue coetanee e con l’attrezzo più leggero.
Sempre al sito Fidal, la ragazza dice: “Un sorriso per la medaglia, un po’ meno per la misura. Nei lanci di prova ho superato sempre i 18 metri, ma in gara non sono riuscita a fare altrettanto. Peccato perchè forse ora avrei al collo un altro metallo, ma devo riuscire a domare meglio la tensione in gara. E’ tutta esperienza per il futuro. Intanto questo risultato lo dedico a mia nonna Dea che non c’è più dall’anno scorso, ma so che mi è sempre vicina”.
Ha
vinto la moldava Emelianov, qui grande protagonista con un oro pure nel disco, con 18.50.

Bene anche altri azzurri che hanno centrato la finale:

Sfortunata l’italo-ivoriana Zaynab Dosso, quarta nei 100 con 11.83, a un centesimo dal terzo posto

Non fortunato pure Mattia Di Panfilo, che nelle batterie dei 110hs con 13.43 (+1.8 il vento), batte di 1/100 il precedente record allievi di Lorenzo Perini , poi è quinto in finale con 13.55, sbagliando all’ultimo ostacolo quando era in testa.

Ottima gara di Nadia Battocletti nei 3000 siepi, dove l’azzurra arriva sesta facendo il proprio personale,9:49.53, con una bellissima volata finale.

Buone prova anche per i due 200sti,Aurora Berton e Mario Marchei. Sono ottavi nelle loro gare, ma in semifinale avevano migliorato i persoanli, 24.27 per la Berton e 21.54 per Marchei

  •   
  •  
  •  
  •