Diamond League 2016: Zurigo e Bruxelles le ultime tappe, programma completo

Pubblicato il autore: lorenzo muffato Segui

Logo_Diamond_League1Siamo all’epilogo della settima edizione di questa Diamond League, il meeting internazionale di atletica leggera organizzata annualmente dalla IAAF che dal 2010 sostituisce l’analoga competizione Golden League.
Al contrario di quest’ultima, incentrata su pochi, sei o sette meeting europei, la Diamond League mira a migliorare l’attrattiva a livello mondiale dell’atletica, spingendosi per la prima volta fuori dall’Europa. Oltre ai consolidati meeting della Golden League e ad altri tradizionali meeting europei vengono inizialmente affiancate competizioni in Qatar, in Cina e negli Stati Uniti d’America.
La manifestazione è composta da quattordici meeting che si svolgono nel periodo compreso fra maggio e settembre. Ogni meeting prevede la presenza di 16 specialità, equamente distribuite tra maschili e femminili, scelte in modo tale che in due meeting consecutivi vengano svolte tutte le specialità maschili e femminili e alternando fra loro specialità analoghe, specialmente nella corsa, come ad esempio 100 m e 200 m.

Le tappe di questa Diamond League hanno visto gli atleti spaziare tra quattro continenti: Asia, America, Africa e Europa.
Le città impegnate nelle tappe di questa Diamond League sono state le seguenti:
-Doha, 6 maggio
-Shanghai, 14 maggio
-Rabat, 22 maggio
-Eugene, 28 maggio
-Roma, 2 giugno
-Birningham, 5 giugno
-Oslo, 9 giugno
-Stoccolma, 16 giugno
-Monaco, 15 luglio
-Londra, 22/23 luglio (due giorni)
-Losanna, 25 agosto
-Parigi, 27 agosto
-Zurigo, 01 settembre
-Bruxelles, 09 settembre

Questo il programma della penultima tappa di questa Diamond League in programma per dopo domani  al Weltklasse di Zurigo.

08:00-10:00 Finale IAAF Diamond League
22:00 Fuochi d’artificio e la musica
22:30 Fine

L’ultima tappa sarà una festa per la conclusione di questa fantastica manifestazione itinerante. Per questa edizione di Diamond League ha brillato l’italiano Gianmarco Tamberi, il ventiquattrenne di Civitanova ha vinto la gara nel salto in alto nella tappa di Monaco, è stato perfetto nei 2.37m, misura con la quale ha eguagliato il record italiano outdoor realizzato un anno fa a Eberstadt. Successivamente vola nei 2.39m, alla terza prova migliorando di un centimetro il suo record italiano indoor stabilito lo scorso febbraio a Hustopece. Il campione europeo outdoor di Amsterdam e mondiale indoor è il terzo italiano della storia capace di vincere una gara di Diamond League dopo Fabrizio Donato a Zurigo nel 2012 e Marco Fassinotti a Londra 2015. Purtroppo però il campione italiano si infortuna ad una caviglia nel tentativo di saltare l’asticella posta a 2,41m, perdendo così la possibilità di andare alle olimpiadi di Rio 2016 per il dispiacere di una nazione intera che faceva il tifo per lui.

  •   
  •  
  •  
  •