Inglese e Giupponi nelle prime gare di atletica a Rio

Pubblicato il autore: rizzoli giorgio Segui
Rio de Janeiro 12/08/2016 Olimpiadi Estive Rio2016,Olympics Game Rio 2016 Atletica, Nella foto: Giochi Olimpici di Rio 2016  - Foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo - Vietato uso Pubblicitario

Rio de Janeiro 12/08/2016 Olimpiadi Estive Rio2016,Olympics Game Rio 2016 Atletica, Nella foto: Giochi Olimpici di Rio 2016 – Foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo – Vietato uso Pubblicitario

L’atletica leggera parte con il botto alle Olimpiadi di Rio de Janeiro.
Nella prima giornata con le gare di atletica, nella prima delle 2 finali in programma, i 10000 metri femminili, è stato realizzato un fantastico record mondiale e sono state riscritte le prime posizioni della graduatoria mondiale all time.
La gara è stata vinta dalla etiope Almaz Ayana con il tempo di 29.17.45, che ha cancellato il primato mondiale stabilito nel 1993 a Pechino dalla cinese Wang Junxia con 29:31.78.
Per dare un’idea della eccezionalità della prestazione basta scorrere le graduatorie stagionali 2016 italiane uomini, nelle quali solo 5 uomini hanno corso quest’anno più veloce della Ayana: Daniele Meucci 28.24.71 (Mersin 5/6). Jamel Chatbi 28.32.85 (Mersin 5/6), Ahmed El Mazoury 28.37.29 (Fucecchio 9/4), Stefano La Rosa 28.42.25 (Mersin 5/6), Daniele D’Onofrio 29.01.93 (Fucecchio 9/4).
Ma anche le altre atlete che hanno terminato la prova dopo Almaz Ayana hanno ottenuto grandi prestazioni e 3 di loro sono scese sotto il muro dei 30 minuti: nell’ordine la keniana Vivian Jepkemoi Cheruiyot con 29.32.53, l’altra etiope Tirunesh Dibaba con 29.42.56 e l’altra keniana Alice Aprot Nawowuna, che aveva condotto la prima parte della gara, con 29.53.51.
In gara c’era anche l’italiana Veronica Inglese (nella foto FIDAL COLOMBO/FIDAL), che ha concluso al 30° posto con il tempo di 32.11.67, vittima anche di una caduta nella fase iniziale della gara e che è stata comunque partecipe di una gara fantastica.
Risultati 10000 metri femminili (dal sito IAAF, Federazione Mondiale di Atletica)

La seconda gara della prima giornata che assegnava le medaglie era la 20 km di marcia uomini.  La vittoria è andata al cinese Zhen Wang in 1.19.14; medaglia d’argento al connazionale Zelin Cai in 1.19.26 e medaglia di bronzo all’australiano Dane Bird-Smith in 1.19.37.
L’italiano Matteo Giupponi, bergamasco e appartenente al G.S. Carabinieri, si è piazzato all’8° posto e al 3° fra gli atleti europei e ha ottenuto il primato personale con il tempo di 1.20.27.
Giupponi è stato autore di una gara regolare, ma in rimonta, affacciandosi  nei primi 10 al 18° km, in cui è transitato in 1.12.29 e concludendo i 2 km finali sotto gli 8 minuti.
Il precedente primato personale di Giupponi era 1.20.52, stabilito il 19 marzo di quest’anno a Dudince.
Il bergamasco era alla sua prima partecipazione olimpica, ma nel suo curriculum c’erano stati altre partecipazioni a prestigiose manifestazioni internazionali come i Campionati Mondiali 2013 dove si piazzò al 14° posto nella 20 km e in quelli 2015 in cui fu 15° nella 50 km. Nel maggio scorso aveva vinto il titolo mondiale per nazioni nella Coppa del Mondo di Marcia a Roma, vittoria confermata anche a seguito della squalifica post di Alex Schwazer, con i piazzamenti ottenuti anche da Marco De Luca e Federico Tontodonati. In quella gara Giupponi era stato il 4° italiano e con la squalifica dell’alto atesino, il suo contributo al successo della squadra italiana è diventato decisivo.
Negli anni giovanili Giupponi aveva vinto medaglie ai Campionati Europei Juniores 2007 nei 10000 metri di marcia (2° posto) e ai ai Campionati Europei Under 23 nel 2009 nella 20 km (3°).
Giupponi sarà in gara anche nella gara di marcia 50 km in programma venerdì 19 agosto alle ore 8.00 di Rio e 13.00 in Italia.
Il piazzamento di Giupponi fra i primi 8 in una gara di atletica olimpica consente già all’Italia di inserirsi nella classifica a punteggio e la cosa non era affatto scontata visto lo’universalità delle gare di atletica, che vede presenti a Rio de Janeiro tutte le nazioni del mondo e anche l’assenza a Rio per infortunio dell’attuale numero 1 dell’atletica italiana Gian Marco Tamberi.

 

Risultati 20 km di marcia (dal sito IAAF, Federazione Mondiale di Atletica)

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: