Valentina Turisini ‘riapre’ il caso Alex Schwazer

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui

Alex Schwazer

Il caso di Alex Schwazer continuerà a far discutere a lungo l’opinione pubblica. All’atleta italiano, squalificato per otto anni, per una presunta seconda positività al doping, non sono mancati in questo nuovo periodo di buio, l’affetto e il sostegno dei suoi tifosi. Nelle ultime ore però, sul caso Schwazer si è espressa anche Valentina Turisini, membro della giunta Coni: “Sono stati sottoposti ad un trattamento penoso, stile Tribunale dell’Inquisizione” ha commentato. La Turisini, in qualità di tecnico, ha portato il caso Schwazer nella riunione del governo dello sport italiano che si è tenuta questa mattina al Foro Italico. “Non conosco Schwazer e nemmeno Donati personalmente, ma esprimo loro la mia solidarietà. Non intervengo sul merito, ma la violazione dei diritti della difesa e le modalità di acquisizione delle prove, compreso il viaggio a Rio de Janeiro per il giudizio, testimoniano un quadro sconcertante”. Valentina Turisini non si è limitata a pronunciare solo delle parole, ma è passata anche ai fatti, rivolgendosi direttamente a Malagò affinché questa storia non si ripeta mai più: “Noi tecnici siamo fra i primi a difendere i principi di correttezza e di lealtà sportiva. La nostra speranza è che si faccia sempre di più nella lotta contro il doping. Ma rispettando i diritti di chi deve difendersi. La mia paura è che casi del genere possano accadere di nuovo e che gli atleti non siano giudicati da tribunali rispettosi delle regole, ma da organismi da inquisizione”.
Intanto la reazione di Malagò non si è fatta attendere. Il presidente ha raccontato di esser stato umanamente vicino a Donati nella vicenda, di essere sul piano formale d’accordo con la Turisini, ma di non poter esprimere nessun giudizio sostanziale sulla vicenda vista l’autonomia della giustizia sportiva. La Turisini ha poi così proseguito: “Qui non si parla di un caso singolo. È chiaro. Ma io credo che una riflessione sulle norme antidoping, che coinvolga anche gli organismi che hanno avuto un ruolo in questa vicenda come la Iaaf, debba essere fatta”. Il presidente del Coni intanto ha riferito in consiglio nazionale dell’intervento della Turisini in Giunta.

Alex presto papà
Dopo un’estate di dolori, per Alex Schwazer finalmente arrivano anche le belle notizie. Infatti, il marciatore altoatesino presto diventerà papà. La fidanzata Kathrin Freund è in dolce attesa. La conferma della notizia è arrivata tramite lo staff del marciatore altoatesino. Attualmente Alex Schwazer si trova in vacanza insieme alla sua compagna. Alex e Kathrin non sono ancora marito e moglie, ma lui ha sempre parlato di lei pubblicamente, sottolineando quando sia stato importante in questo periodo oscuro il suo sostegno incondizionato, dopo la seconda accusa di doping che ha avuto come conseguenza una squalifica di otto anni.
Il marciatore altoatesino è stato anche, per lungo tempo, sotto i riflettori della cronaca rosa non solo per la relazione, durata cinque anni, con Carolina Kostner, pattinatrice su ghiaccio, ma anche per esser stato immortalato con una ex concorrente del Grande Fratello Valeri Molin Pradel, prima del definitivo arrivo di Kathrin Freund che gli darà un erede.
  •   
  •  
  •  
  •