Maratona di Palermo 2016: domenica si corre per le strade di una delle più belle città d’Italia

Pubblicato il autore: Pietro D'Alessandro Segui

maratona3
Le maratone più importanti nel mondo si corrono a Tokyo, Londra, Boston, Berlino, Chicago e New York. In Italia sono famose le maratone di Milano, Roma e Torino. A noi piace ricordare che domenica 13 novembre si corre la 22a edizione della maratona di Palermo, che non avrà sicuramente l’importanza né la fama delle maratone sopra citate, ma si snoderà per le vie di una delle più belle città d’arte d’Italia.
E l’occasione è da non perdere per ammirare i posti più belli di Palermo e della località balneare di Mondello assieme al Parco della Favorita senza traffico veicolare, senza strombazzate di clacson, con i soli rumori dei passi e dell’ansimare dei corridori.
Il “Giornale di Sicilia” oggi in edicola dà ampio spazio alla manifestazione presentata ieri nella Sala Gialla della sede di Unicredit, sponsor principale della manifestazione, che vedrà in corsa più di 1.400 atleti e amatori di 30 nazionalità.
La corsa partirà alle 9 e 15 circa dall’ex Stadio delle Palme, oggi Stadio di atletica Vito Schifani, e si snoderà per le strade di Palermo con la possibilità di correre la mezza maratona e la maratona intera. E’ da precisare che alle 9 e 15 partirà la gara vera e propria, mentre la corsa non competitiva partirà tra le 9 e 30 e le 9 e 40.

Maratona di Palermo 2016: il percorso

Sul sito www.palermomaratona.it , oltre a tante informazioni utili, è riportato nei dettagli il percorso della gara che di seguito si riferisce:
PARTENZA: Stadio di Atletica “Vito Schifani” V.le del Fante– V.le Rocca- V.le Ercole-V.le Diana- P.zza Leoni- Via dell’Artigliere- Piazza Vittorio Veneto – V.le della Libertà – P.zza Ruggero Settimo – Via Ruggero Settimo Via Maqueda – P.zza Villena (Quattro Canti) – C.so Vittorio Emanuele – Porta Nuova – C.so Calatafimi – P.zza Indipendenza – Ingresso Palazzo Reale (Passaggio Interno ARS) – P.zza del Parlamento – C.so Vittorio Emanuele – P.zza Villena (Quattro Canti) – Via Maqueda – Via Trieste – Via Roma – Via Bentivegna – Via Rosolino Pilo – Via Ruggero Settimo – Via della Libertà-Piazza Vittorio Veneto-Via dell’Artigliere-Piazza Leoni-V.le Diana ( Ingresso Parco della Favorita) – Via della Favorita dir. Mondello -V.le Diana (dir. Mondello) – V.le Ercole – Palazzina Cinese – P.zza Niscemi – Ingresso Villa Niscemi – V.le Ercole – Viale Rocca –V.le del Fante – Ingresso Stadio di Atletica “Vito Schifani” Porta Maratona – Arrivo Mezza Maratona Km 21.097
Segue maratona
V.le del Fante – V.le Rocca –Viale Ercole-Viale Diana-giro di boa-Viale Diana-Viale Favorita dir. Fiera- Giro di Boa 42 Km- Via della Favorita dir. Mondello – V.le Diana -V.le Margherita di Savoia dir Mondello –V.le delle Palme-Via Principessa Giovanna-Piazza Valdesi-Viale Regina Elena Dir. Mondello –V.le Regina Elena Giro di Boa (ang. Via Teti) – Via Regina Elena Dir. Palermo -Piazza Valdesi -V.le Margherita di Savoia Lato Monte-V.le Ercole Dir. Palazzina Cinese-Piazza Niscemi- Ingresso Villa Niscemi – V.le Ercole dir. Mondello Giro di Boa- V.le Ercole – Viale Rocca –Viale del Fante – Ingresso Stadio di Atletica “Vito Schifani” Porta Maratona – Arrivo Maratona Km 42.195.

Maratona di Palermo 2016: gli africani

La novità che caratterizza la 22a edizione della maratona di Palermo è la partecipazione degli atleti africani, partecipazione che contribuirà ad aumentare il tasso tecnico della manifestazione.
I kenioti con Ezekiel Kiprotich Meli, Paul Tiongik e Hosea Kimeli Kisorio promettono spettacolo e si contenderanno la vittoria, insidiati dal palermitano Filippo Lo Piccolo, vincitore della scorsa edizione della corsa, e dall’ennese Vito Massimo Catania, primo nell’edizione del 2013.

Il Dott. Angelo Giglio: i benefici della corsa

Sempre sul “Giornale di Sicilia” è riportata l’intervista al Dott. Angelo Giglio, ex Presidente della Federazione Medici Sportivi, che con la sua competenza ed esperienza ha illustrato gli aspetti positivi dell’attività sportiva e della corsa in particolare. “Correre fa bene all’apparato cardiocircolatorio: migliora l’efficienza cardiaca, combatte l’ipertensione e aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo. A seguito dello sforzo compiuto correndo, infatti, vengono immesse in circolo delle sostanze a funzione vasodilatatrice. L’alterazione del calibro dei vasi arteriosi si mantiene anche una volta esaurita l’attività fisica e fa sì che il sangue fluisca incontrando meno resistenze. Il risultato è un abbassamento dei valori della pressione arteriosa. I benefici legati alla corsa non sono legati soltanto al sistema circolatorio, ma anche al fatto che correre aiuta la mente a rigenerarsi e migliora soprattutto la componente positiva dell’umore”. Queste le parole del Dott. Angelo Giglio che ha continuato spiegando come, con delle corrette indagini sullo stato di salute del cuore, sia possibile continuare a correre anche in età avanzata, riferendo di uno studio condotto dal Copenhagen City Heart Study secondo il quale “la corsa fatta bene può essere considerata un elisir di lunga vita”.

  •   
  •  
  •  
  •