Natale e sport, esiste una correlazione?

Pubblicato il autore: Daniela Segui

palestra e nataleAbboffate natalizie e pre natalizie, pandori, panettoni, dolcetti, cioccolatini cenoni e via! Questo è in sintesi il Natale in Italia con tante cene e piccole grandi mangiate per la gioia di grandi e piccini e leccornie di tutti i tipi ma… Dopo? In tanti, al seguito di tutte queste mangiate si legano “al tapis roulants” al corso brucia grassi più rapido o alla sauna di ore e ore. In effetti esiste una vera e propria correlazione tra lo sport e festività ricche di grandi mangiate? Secondo i medici in Italia si: proprio di recente, da qualche anno in effetti, è nata la moda in Italia delle palestre discount, già esistenti in America da decenni. In pratica esistono centri sportivi a costi più che scontati, aperti ventiquattr’ore su ventiquattro dove i soci possono sfogare i sensi di colpa sull’attrezzo brucia calorie più consono al loro fisico. Risultato? Via i sensi di colpa, bandiera alzata alle grandi mangiate del periodo. Certo perchè la mentalità comune si libera dal senso di colpa dell’eccesso, con un’ora di corsa e poi via di nuovo a tavola. Effettivamente, assicurano gli esperti, non è proprio così. Meglio sarebbe limitarsi nell’ingerire alimenti troppo grassi o iper calorici, prediligere sempre quelli con poco condimento, limitare i carboidrati e quanto meno prediligere quelli integrali, salse, mayonese o dolciumi troppo elaborati. Insomma in un certo senso, rinunciare a buona parte delle leccornie che si mangiano a Natale, cosa praticamente quasi impossibile! Allora gli amanti del fisico e in generale gli atleti, nella maggior parte dei casi, preferiscono non rinunciare ai cibi prelibati delle festività, piuttosto fare una dieta in seguito e chiudersi in palestra anche per tre ore al giorno. Sufficiente? Certo il tempo, una ferrea dieta post feste, un sano allenamento quotidiano ma senza strafare, aiutano con il tempo a ritrovare la forma fisica perduta con l’avvento del Natale. Attenzione però, come detto, a non strafare: inutile infatti “fare la fame” affidarsi esclusivamente allo sport senza un’adeguata e sana alimentazione altrimenti si finisce coll’avere la reazione opposta, ossia un vero e proprio collasso. Un vero sportivo ovviamente conosce questo estremo, per questo sempre meglio affidarsi alle “cure” di un valido istruttore che sappia consigliare il soggetto nel migliore dei modi. La domanda è: come la pensa effettivamente uno sportivo? “Io cerco di limitare il consumo di dolci durante queste feste- ha dichiarato Anna una frequentante decennale di palestre- certo a altre leccornie “salate” che si mangiano solo in questo periodo dell’anno, proprio non riesco a rinunciare! E che fare, dai a Natale siamo tutti più permissivi!”- “A me effettivamente piace tutto del Natale,- afferma Fabio, istruttore di Body building- certo cerco di evitare di alzarmi da tavola eccessivamente pieno, cerco di unire sempre un pò di moto anche nei giorni di festa ma… allo stomaco, proprio in queste occasioni effettivamente non si comanda! Cosa più bella è che si mangia in famiglia e in compagnia si sa, si mangia anche di più e con più piacere!”. Dunque rinunciare alla palestra durante il Natale o al cibo? Gli italiani non hanno dubbi:”prima il piacere e in seguito il dovere!”.

  •   
  •  
  •  
  •