Corrida di San Geminiano martedì 31 gennaio a Modena

Pubblicato il autore: Loredana Falduzza Segui


Tutto pronto per la Corrida di San Geminiano, tradizionale manifestazione sportiva internazionale di corsa su strada, che ogni anno porta a Modena migliaia di sportivi tra podisti competitivi e appassionati. Quest’anno sarà l’edizione numero 43. La gara si svolgerà il 31 gennaio, come vuole la consuetudine, il giorno di San Geminiano, patrono della città di Modena. La corsa, sul percorso di 13 chilometri e 350 metri, partirà dal centro cittadino chiuso al traffico per l’occasione, arriverà a Cognento per poi rientrare a Modena, attraversando anche il mercato della Fiera di San Geminiano. Appuntamento alle 14,30 per tutti i corridori. Davanti ci saranno i partecipanti della gara internazionale. Sullo stesso percorso anche i podisti della “Corrisangeminiano”, la corsa non competitiva. La “Minicorrida” di 3 chilometri avrà la partenza comune con gli altri, ma il percorso sarà ovviamente più ridotto. Complessivamente 5 mila i numeri dedicati ai non competitivi, oltre mille i pettorali riservati agli atleti agonisti.Per i competitivi l’unico modo di iscriversi alla gara è quello di collegarsi al sito internet ufficiale della manifestazione, entrare nella sezione dedicata alle iscrizioni e seguire la procedura indicata. Per i non competitivi è possibile iscriversi da ieri pomeriggio presso il campo comunale di atletica leggera di via Alfonso Piazza, a Modena: qui gli uffici della Fratellanza sono aperti dalle 15 alle 19 per accogliere le iscrizioni, a esclusione di domenica 29 gennaio.

L’edizione 2017 è dedicata alle aree colpite dagli ultimi eventi sismici. Dopo l’edizione 2016 dedicata al progetto “Casa di Fausta”, quest’anno l’organizzazione ha deciso di devolvere parte del ricavato della corsa in beneficenza alle zone del centro Italia, flagellate dal terremoto e dalla recente ondata di maltempo con freddo e neve a rendere ulteriormente precaria una situazione già molto difficile da fronteggiare. Verrà scelto in questi giorni un progetto a cui destinare l’assegno della Fratellanza, a cui si potrà partecipare anche con donazioni volontarie, in appositi raccoglitori distribuiti il giorno della Corrida.
Sul sito web della Corrida di San Geminiano si legge anche la storia della manifestazione: “Era l’estate del 1972, l’ultima stagione di un grande atleta della nazionale: Renzo Finelli. Assieme al suo allenatore, il prof. Luciano Gigliotti, iniziò ad ideare una corsa per la città di Modena che potesse mettere insieme i grandi campioni ed i normali corridori”. E “a dicembre iniziarono a pensare al periodo ed alla tipologia di gara da proporre. Il 31 dicembre a San Paolo (Brasile) si correva una gara famosa in tutto il mondo: La corrida di San Silvestro. Così nacque l’idea di fare una Corrida e di abbinarla al patrono della città: San Geminiano, il 31 gennaio. La sorpresa più grande fu il giorno prima della gara, quando gli iscritti superarono quota 500. Finelli e Gigliotti avevano immaginato un centinaio di partenti, e la notte prima della gara si chiusero in casa per realizzare un pettorale in cartoncino dal 101 in poi. Fu un enorme soddisfazione, che ancora oggi ricordano con grande piacere“. Ad aggiudicarsi l’edizione 2016, nella gara maschile Joash Kipruto Koech del Kenia, nella gara femminile Mary Njokiwanjiku pure del Kenia.

  •   
  •  
  •  
  •