La prima prova del C.d.S. regionale di cross a Castenaso

Pubblicato il autore: rizzoli giorgio Segui

E’ stato un gran successo di partecipazione il cross di Castenaso, valido come prima prova del C.d.S. Assoluto e Masters di Cross per l’Emilia Romagna, che si è disputato domenica 29 gennaio.  Oltre 1000 sono stati gli atleti classificati, comprese le gare del settore giovanile, in una giornata fredda ma serena e nel consueto percorso intorno al campo sportivo di Castenaso, che gli organizzatori della Atl. Castenaso Celtic Druid hanno proposto con la solita perfetta organizzazione.
Negli assoluti uomini, sulla distanza di 8 km, la vittoria è andata ad Alessandro Giacobazzi, che ha preceduto il compaesano (sono entrambi di Pavullo), compagno di club nella Fratellanza 1874 Modena e di nazionale nel 2015, Simone Colombini. In verità non c’è stata neanche la volata, i 2 ragazzi si sono presentati al traguardo in scia da buoni fratelli, dopo essere subito andati in fuga insieme a un altro atleta azzurrino, Italo Quazzola (Atl. Casone Noceto) che è stato poi costretto al ritiro, vittima di una storta a un piede nel tratto più accidentato del percorso.  Al 3° posto il marocchino Rachid Benhamdane (Dinamo Sport) a circa 20 secondi dal duo di testa. La classifica di società vede fuori classifica e quindi non più in grado di ripetere il successo dello scorso anno l’Atl. Casone Noceto, che piazza il solo Michele Cacaci nelle prime posizioni e con il ritiro di Quazzola e Giammarco Buttazzo. E’ in testa quindi la Fratellanza, davanti alla Atl. Castenaso Celtic Druid e alla Dinamo Sport, con ben 14 società in classifica.

Nelle assolute donne esce alla distanza Francesca Bertoni (Fratellanza 1874 Modena) davanti a Ivana Iozzia (Corradini Rubiera), distanziata di 11 secondi e a Valentina Facciani (Corradini Rubiera) a 40 secondi. Nella classifica di società è al comando la Corradini Rubiera, con 5 punti di vantaggio sulla Fratellanza e 27 sul Cus Parma.
Negli junior uomini. bel successo di Natan Lodi (Virtus Emilsider Bologna), con un discreto vantaggio su Roberto Boni (Self Montanari Gruzza) e ancora maggiore su Tobia Mosti (Edera Forlì). Nella classifica di società solo 3 classificate, con Self Montanari Gruzza in vantaggio di 3 punti sulla Virtus Emilsider Bologna e 26 sulla Atl. Imola Sacmi Avis. Nelle junior donne. prevale un’altra atleta della Fratellanza, Margot Basile, che precede Tania Molinari (Atl. Piacenza) e Caterina Mangolini (Atl. Estense). Nella classifica di società guida la Fratellanza 1874 Modena, con 3 punti di vantaggio su Atl. Piacenza e 16 su Atl. Estense.

Negli allievi la Fratellanza 1874 Modena mette 3 atleti nei primi 4 posti: 1° Davide Rossi, 3° Nicolò Barbieri, 4° Riccardo Brighi; in mezzo il 2° posto per Hichame Jarine. Nella classifica di società domina quindi la Fratellanza, con Modena Atletica e Self Montanari Gruzza a parecchia distanza e tra loro separate di 1 solo punto.
Nelle allieve 1° posto per Margherita Gandini (Cus Parma) con 10 secondi di vantaggio su Sara Nestola (Self Montanari Gruzza); più staccata al 3° posto Majda Benjedi (Atletica Blizzard). Nelle classifiche di società è al comando la Fratellanza 1874 Modena davanti a Self Montanari Gruzza e Atletica Blizzard a pari punteggio.

Le gare erano iniziate con le serie per i masters. Nella prima, con le categorie masters maschili più giovani, il primo atleta al traguardo è stato Adil Lyazali (Atl. Casone Noceto) sm40, che ha preceduto di 6 secondi un altro atleta della stessa società e categoria, Joachim Nshimirimana. Gianluca Borghesi, Fabio Perazzini e Davide Tirelli, tutti della Avis Castel San Pietro, sono stati i primi classificati nelle altre categorie della serie, rispettivamente sm35, sm45, sm50.Nella seconda serie dei masters, con le categorie meno giovani, il 1° al traguardo è Giuseppe Gorini (Atl. 85 Faenza), categoria sm55; nelle altre categorie Vittorio Ottoni (Atl. Casone Noceto) festeggia negi sm60 il cambio di categoria e di maglia con il 1° posto, mentre negli sm65 si conferma Adolfo Accalai (Atl. 75 Cattolica) e negli sm70 a sorpresa Onelio Galeazzi (Atl. 75 Cattolica) precede il pluricampione europeo master Marco Ganassi (Atl. Casone Noceto).

Nella serie unica master femminile, oltre al record di 126 classificate, c’è stato un livello tecnico mai visto in precedenza: le prime 3 atlete al traguardo sono della Atl. Casone Noceto, più che mai intenzionata a essere la protagonista in regione e in Italia non solo del settore assoluto ma anche di quello masters, uomini e donne. Nell’ordine si sono piazzate Carolina Baldi, Barbara Bennici e Daniela Ferraboschi, le prime 2 sf35, la terza sf40 e, Bennici e Ferraboschi, nuove atlete del team di Casone Noceto. Rosa Alfieri (Atl. Reggio) ha vinto fra le sf45, mentre nelle altre categorie ci sono 3 primi posti di atlete della Lughesina, altre 2 di Casone Noceto e 1 della Lolliauto.
Nelle classifiche di società nei masters uomini è in testa l’Atl. Casone Noceto con 16 punti di vantaggio sulla società vincitrice del titolo nel 2016, l’Avis Castel San Pietro. La Gabbi Bologna, ritornata a disputare i cross regionali masters, è al 3° posto, ma ad oltre 100 punti di distacco dalle prime 2 compagine in classifca. Nelle donne masters 5 formazioni sono racchiuse in uno spazio di circa 40 punti: al 1° posto ancora l’Atl. Casone Noceto, seguite da Circolo Minerva, Atl. 85 Faenza, Gabbi Bologna e Lughesina. Al 6° posto l’Acquadela Bologna.

 

  •   
  •  
  •  
  •