Daniele Meucci vince la Rimini Marathon

Pubblicato il autore: rizzoli giorgio

Presenza a sorpresa e naturalmente è arrivata la vittoria per Daniele Meucci (Esercito) alla Rimini Marathon, giunta alla 4^ edizione e sempre in crescita. Con la nuova normativa Fidal del Progetto Running nel 2017 ha assunto qualifica di “maratona bronze”.
Daniele Meucci, campione europeo di maratona a Zurigo nel 2014 e indubbiamente il migliore atleta italiano delle medie e lunghe distanze di questi ultimi anni, aveva la necessità di ottenere il minimo di partecipazione per la maratona dei Campionati Mondiali che si svolgeranno a Londra dal 4 al 13 agosto, fissato in 2 ore 19 minuti, una prestazione largamente alla portata di Meucci, che ha un personale di 2.11.08, ottenuto proprio in occasione della vittoria ai Campionati Europei di Zurigo 2014, ma la maratona è una gara particolare nella quale possono arrivare anche sorprese negative.
E’ arrivata quindi l’occasione di “espletare” questo compito proprio qui a Rimini e per atleta toscano ha così impostato una gara su un ritmo non esagerato e funzionale all’obiettivo. Dopo un passaggio alla mezza maratona in 1.09.04, Meucci ha gradatamente aumentato il ritmo e ha corso la seconda metà più veloce della prima, con un parziale di 1.07.01, per un tempo complessivo di 2.16.05.
Nella prima parte della gara Meucci è stato in compagnia dell’atleta marocchino Mohamed Hajjy (Atletica Castenaso Celtic Druid), che appena 5 giorni prima aveva vinto il titolo italiano della corsa 50 km nel corso della 50 km di Romagna, essendo “equiparato” agli atleti italiani, secondo le norme della Federazione, per via della lunga militanza in Italia. Verso i 2/3 della gara Meucci ha allungato il ritmo lasciando Hajjy che peraltro ha in parte dovuto rallentare il ritmo, correndo la seconda metà della maratona in 1.14.47 per un tempo totale di 2.23.51.
Nelle successive posizioni della classifica maschile si sono piazzati Cristian Marianelli (Atletica Avis Perugia) in 2.26.05, Giovanni Cavallo (Asd Podistica Messina) in 2.28.42 e Giuseppe Del Priore (Dinamo Sport) in 2.29.34, unici altri atleti a scendere sotto le 2 ore 30 minuti.
La gara femminile è stata vinta da Ilaria Aicardi (Atletica Reggio) con il tempo di 2.59.07. La Aicardi, atleta di 37 anni, aveva già corso in parecchie occasioni sotto le 3 ore in maratona e vanta un personale di 2.53.17, realizzato alla Maratona di Reggio Emilia l’11 dicembre 2016. Dopo un passaggio alla mezza maratona in 1.27,42, ha concluso un po’ in calando ma tenendo discretamente con un parziale di 1.31.25 nella seconda metà. Nella classifica femminile ha preceduto Claudia Marietta (GS Lammari) in 3.09.25, Daniela Francesca Hainal (Saracenatletica) in 3.11.11, Elisa Zanusso (Team Marathon) in 3.12.55 e Natascia Pizza (GS Carlo Buttarelli) in 3.13.59.
Nell’ambito della Rimini Marathon si è disputata anche la corsa “Ten Miles”, sulla distanza di 16 km, che ha visto il successo del riminese Gianluca Borghesi (Avis Castel San Pietro) con il tempo di 54.18, davanti ad Andrea Aragno (Atl. Fossano 75) in 54.59 e a Walter Mancuso (Atletica Winner Foligno) in 58.04. La gara femminile della “Ten Miles” è stata vinta da un’altra atleta riminese, Federica Moroni (Golden Club Rimini), anche lei vincitrice del titolo nazionale master della 50 km il 25 aprile a Castelbolognese, che oggi ha corso nel tempo di 1.02.32 e ha preceduto la britannica Bethany Thompson (Atletica Reggio) in 1.06.08 e Daniela Vittoria (GP Solvay) in 1.07.03.
Numeri di partecipazione importanti quindi per questa manifestazione, che ha visto classificati ben 1432 atleti nella maratona (1207 uomini e 225 donne), oltre a 863 atleti nella “Ten Miles” (579 uomini e 284 donne).
Nella foto di Ottavio Pamentini una fase iniziale della corsa con un quartetto in testa, con Daniele Meucci (n. 2)

  •   
  •  
  •  
  •