Manfredini e Mantovani specialisti dell’Appennino

Pubblicato il autore: rizzoli giorgio Segui

Tra sabato 19 e domenica 20 agosto si sono disputate 2 classiche delle corse in montagna dell’Appennino Bolognese e Modenese.
La Fanano-Capanno Tassoni di sabato 20 agosto è una corsa podistica tutta in salita di 12,5 km e un dislivello di 800 metri, giunta alla 36^ edizione. Hanno preso parte alla manifestazione 130 atleti iscritti alla compeptitiva, oltre a una trentina alla non competitiva, un numero di tutto rispetto considerato il periodo estivo, il tipo di corsa piuttosto impegnativo, la distanza da Fanano per i podisti bolognesi e modenesi e le difficoltà di accesso e ritorno dal rifugio Tassoni. Il record di partecipanti, circa 200 un po’ di anni fa, oggi appare difficilmente replicabile, visto anche (giustamente) il certificato medico obbligatorio. C’è stata grande soddisfazione da parte di tutti i partecipanti e un grande ringraziamento per tutti gli aspetti organizzativi va ai volontari e alle forze dell’ordine.
La gara è stata vinta da Tommaso Manfredini, uno dei più forti runners dell’alto modenese, che ha impiegato 54’46”, con l’ottima media di 4’13” al km. Al 2° posto e a meno di un minuto da Manfredini si è piazzato Alessandro Donati. Al 3° posto, ma con un distacco di oltre 5 minuti dal vincitore, si è piazzato Mohamed Moro, che per molti anni, tra il 2005 e il 2010, è stato uno dei più forti ottocentisti della Fratellanza 1874 Modena, con un personale di 1.47.14, una prestazione che quest’anno in Italia è in grado di ottenere un solo atleta (Giordano Benedetti delle Fiamme Gialle).
La gara femminile è stata vinta da Laura Casasanta, con il tempo di 1.07.16, un’atleta romana che proprio nel giorno della gara ha compiuto 38 anni, specialista delle corse su strada, con un bel personale di 1.27.42 nella mezza maratona. Al 2° posto si è piazzata la romagnola Anna Giunchi in 1.12.45 e al 3° Erica Guigli in 1.13.03.
Le dichiarazioni di Manfredini: “Stamani contava sol un risultato, entrar nell’albo d’oro di una rinomata classicissima di corsa in salita, consapevole di un crono (54’40” circa) non eccelso rispetto al tempo siglato da tanti campioni che mi hanno preceduto.”
E siamo arrivati a domenica 20 agosto a Vidiciatico con la “5 Passi in Val Carlina”, che gli organizzatori indicano come 8^ edizione (ma perchè non vengono conteggiate le edizioni della 5 Passi degli anni ’70 e inizio anni ’80, che si svolgevano con il medesimo percorso ?). Al via si sono presentati 260 atleti in un percorso di circa 18 km che toccava le più importanti località del Comune di Lizzano in Belvedere, con un tracciato su strade asfaltate, sterrate e sentieri.
Tra gli uomini la vittoria, per il 4° anno consecutivo, è andata a Jacopo Mantovani, che ha realizzato anche il nuovo record della corsa, con il tempo di 1.12.12. Alle sue spalle Stephen Donyna in 1.14.35, seguito dal livornese Roberto Ria in 1.18.19.
Record della gara anche nella gara femminile, con la forte romagnola Anna Spagnoli prima in 1.21.34, seguita dalla bolognese Elisa Bettinin in 1.30.07 e dall’altra romagnola Tiziana Sportelli al 3° posto in 1.32.09.

  •   
  •  
  •  
  •