Dwight Howard accusato di violenza su un minore.

Pubblicato il autore: Filippo Baldi Segui

IMG_0113.JPG
È notizia di queste ore di una riapertura dell’inchiesta che alcuni mesi fa aveva colpito Dwight Howard, colpevole, secondo le autorità, di aver letteralmente “preso a cinghiate” il figlio minorenne.
Il centro dei Rockets si era già in passato difeso dicendo di essere stato a sua volta educato in questa maniera e che il fatto secondo lui non costituisse reato. La polizia della Florida aveva fatto cadere l’accusa vista la mancanza di prove, ma la madre del bambino è riuscita a far riaprire l’inchiesta nello stato della Georgia.
Queste le parole dell’avvocato di Howard:
“Il dipartimento che si occupa dei bambini e delle famiglie in Florida ha esaminato tutte le prove, e ha determinato che le accuse di abuso di minori non erano concrete. Il caso è stato chiuso in settembre, e così la madre del bambino ha portato le sue accuse prive di fondamento alle autorità della Georgia. Anche se è già stato provato che le accuse erano senza fondamento, di fronte ad un caso legato alle condizioni di un bambino, è obbligatoria l’apertura di un’inchiesta. Siamo fiduciosi che le autorità delle Georgia arriveranno alla stessa conclusione delle autorità della Florida. La verità è dalla nostra parte. E’ spaventoso vedere una madre usare il proprio figlio come una pedina per estorcere soldi”.
L’NBA non è nuova a questo tipo di accuse visto che già nel 2003 Kobe Bryant era stato accusato di violenza su minore (anche se si trattava di violenza sessuale) ed era stato costretto a pagare una cauzione di 25000 dollari.

  •   
  •  
  •  
  •