NBA: New York Post, duro attacco a Bargnani: “Ruba lo stipendio ai Knicks”

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

nbaE’ fermo da 66 partite, doveva tornare a dicembre ma si è fermato di nuovo. Tutto il mondo Nba si interroga da mesi su Andrea Bargnani. La prima scelta assoluta del draft del 2006, dal suo approdo ai Knicks, si è visto pochissimo in campo. Un annoso problema al gomito, unito ai cronici malanni alla schiena con cui convive sin da ragazzo, lo tengono ai box. A New York però la cosa a molti comincia a dar fastidio. Così sul New York Post, giornale da sempre vicino al patron della franchigia della Grande Mela James Dolan, ci va giù pesante nei confronti dell’ala romana. “La sconfitta con Toronto è servita per ricordare a tutti che Bargnani fa ancora parte del roster e sta ancora rubando i soldi a Dolan” – scrive Marc Berman. “Raptors sono passati da essere una squadra da lottery perenne con Bargnani, a puntare a vincere l’Atlantic Division per il secondo anno consecutivo senza di lui” – rileva il giornalista. “I Knicks, viceversa, da essere i campioni dell’Atlantic Division sono diventati la barzelletta della Lega dopo l’arrivo dell’italiano”.

Il ragionamento è semplice: il “Mago” è all’ultimo anno del suo contratto da quinquennale da 50 milioni. Se non fa vedere a breve di poter essere ancora competitivo, l’estate prossima (nel 2015 compierà 30 anni) rischia di dover tornare in Europa. “Phil Jackson lo riteneva importante per il triangolo” – specifica il Post – “ma ora anche lui è infastidito dalla prolungata assenza”. Ad anno nuovo i Knicks dovrebbero riaverlo, ma tra una sconfitta e l’altra, giocare in un clima velenoso non sarà facile. Sul mercato c’erano acquirenti, dai Lakers a Oklahoma City fino a Washington. Ma dopo l’ennesima stagione in tribuna, in Nba stanno fuggendo tutti.

 

  •   
  •  
  •  
  •