NBA: nonostante il dominio Atlanta resta in vendita. Trasferimento a Seattle? L’ipotesi c’è

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

nba

“Hearing Hawks owners want team to stay in Atlanta. BUT – hearing Thomas Tull and Chris Hansen have separate Hawks-to-Seattle bids planned”. Questo tweet, rimbalzato nella notte su tutti i siti specialistici di sport americani, porta la firma di Bill Simmons, l’imprenditore che da mesi segue l’evolversi della situazione in casa Atlanta Hawks. Simmons, è noto, non disdegnerebbe rilevare gli Hawks per lasciarli ad Atlanta, ma gli avvoltoi di mezza America naturalmente ora aleggiano sulla metropoli del business dello Stato del sud. La franchigia Nba della Georgia, che contro ogni aspettativa sta facendo faville e attualmente è in vetta alla Eastern Conference, resta comunque in vendita. Motivi? Diversi: l’attuale proprietà è stanca, il pubblico è scarso pure in una mirabile stagione come questa, e la città resta molto più legata ai Falcons della NFL e soprattutto ai Breaves del baseball, relegando gli Hawks solo come terza forza nella classifica dell’amore sportivo cittadino.

Leggi anche:  Dove vedere Olimpia Milano-Alba Berlin, live streaming e diretta tv Eurolega?

Ecco, Simmons da mesi si propone, ma in quel tweet mette in guardia da Chris Hansen, giovane “magnatino” dello stato di George Washington che da un paio d’anni a testa bassa ha solo un obiettivo: riportare una franchigia Nba nella città di Seattle. La metropoli della pioggia è affamata di basket, e secondo Simmons questo Hansen sferrerà un poderoso attacco per rilevare gli Hawks, e il tweet ha per scopo quello di mettere in guardia gli appassionati di Atlanta. La cosa può andare in porto? Sicuramente Seattle ha appeal, ma perdere una città come Atlanta non piacerebbe troppo alla Nba. La quale tra l’altro dovrebbe ridisegnare la geografia della Lega spostando una franchigia (le prime indiziate sono Memphis o New Orleans) da Ovest a Est. I successi di Horford (nella foto in maglia n° 15) e compagni per ora sono la fiamma che tiene accesa la luce sul basket in città: per quanto, lo scopriremo soltanto da qui a giugno.

  •   
  •  
  •  
  •