D-Rose nel segno di Jordan, 2-1 Bulls sui Cavs. Clippers dominanti su Houston (VIDEO)

Pubblicato il autore: Sabino Palermo Segui

635667268008522406-2015-05-08-Cavs-Bulls5

Il giorno dopo in cui si ricordava ‘The Shoot’ di Michael Jordan, il quale decise Gara-5 del primo turno di Playoff contro i Cleveland Cavaliers sulla sirena, eccoci di nuovo a raccontare una storia simile. Derrick Rose, armato di talento e di ‘sangue Bulls‘ segna una tripla impossibile allo scadere e consegna a Chicago Gara-3 contro i soliti maledetti Cavs. Siamo 2-1 in una serie che ha ancora da scrivere moltissime pagine. In Gara-1 i Bulls avevano dominato la partita, di nuovo a Cleveland finalmente i Cavaliers erano riusciti ad avere la meglio dall’inizio alla fine, questa volta è stato totalmente un’altro match rimanendo sempre sul filo dell’equilibrio.

E’ stata una partita tirata fino alla fine, con sorpassi e contro-sorpassi infiniti, giocata ad un livello d’intensità incredibile nonostante la pressione in casa Bulls e le assenze per i Cavs. Alla fine il tocco del campione ha fatto la differenza. D-Rose s’è preso la città sulle spalle, nel ricordo di Michael Jordan e del premio MVP del 2011, e dopo due anni travagliatissimi post-infortunio, ha riportato in alto i tifosi che l’hanno sempre osannato come il vero giocatore più forte della Lega, nonostante tutto. E lui, dopo aver giocato un secondo tempo al limite della perfezione, regala al pubblico di Chicago una delle esultanze più belle della stagione: 99-96 Bulls e King James ancora una volta sconfitto.

Leggi anche:  Rai2 o Eurosport? Dove vedere Italia Nigeria basket: diretta tv e streaming Olimpiadi

Non basta a Cleveland la tripla-doppia sfiorata dal solito LeBron, che colleziona 27 punti, 14 assist e 8 rimbalzi, ed ora devono assolutamente pareggiare la serie a Chicago prima di tornare in casa a giocarsi il tutto per tutto. Nel secondo tempo i Cavs crollano, sostenuti poco dagli altri ‘tenori’: JR Smith 14 punti ed Irving 11 punti. Dall’altra parte invece avevano solo cominciato a scaldarsi, alla fine D-Rose chiude con 30 punti – di cui 14 nel solo ultimo quarto – e Butler è solidissimo, 20 punti e un rendimento da giocatore d’alto livello.

 

https://www.youtube.com/watch?v=7GJkIjXrCn0

 

Ad Ovest invece la situazione per Clippers e Rockets è stata diversa. Decisamente più netta la vittoria di Los Angeles in Gara-3 allo Staples Center contro gli Houston Rockets, 124-99 per il 2-1 nella serie a loro favore. I Clippers, che ritrovavano Chris Paul dopo il riposo nelle due gare di Houston per il problema al bicipite femorale, partono forte e allungano subito grazie ai canestri di JJ Redick, top scorer con 31 punti. All’intervallo è 64-57 per i padroni di casa mentre i Rockets restano a galla con Harden, 25 punti e 11 assist alla fine. Nel terzo periodo la gara si spezza definitivamente: i Clippers producono un break di 20-3 firmato quasi interamente da Austin Rivers, figlio di coach Doc, e all’ultimo mini riposo la gara è finita sul 99-76. Nel quarto periodo Rivers, 25 punti, dà ancora spettacolo mentre per Houston va segnalata l’espulsione di Jason Terry per una gomitata nella schiena di Blake Griffin.

  •   
  •  
  •  
  •