Wade, un futuro da Free Agent lontano da Miami?

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

wade, nba,basket,miami

Dwyane Wade, storica bandiera dei Miami Heat, non ha esercitato la player option che gli avrebbe consentito di restare legato alla franchigia della Florida per un ulteriore anno, e diverrà, dal primo di luglio Free Agent. Numerose voci vogliono il capitano degli Heat  “portare i suoi talenti” lontano da South Beach. Wade in passato è stato protagonista di numerosi “sconti” alla franchigia, per consentire di allestire roster sempre competitivi: nel 2010 rinunciò a qualche milione, per rendere possibile l’arrivo dei suoi due amici Lebron James e Chris Bosh, con i quali vinse ben due anelli e quattro finali di conference. L’anno scorso Wade si trovò nella medesima situazione, quella di poter esercitare la player option: rifiutò e rinunciò ad un contratto di quaranta milioni in 2 anni, per firmarne uno di trentadue sempre per due anni (1+1 di player option), rinunciando dunque a 8 milioni per consentire al presidente Pat Riley di rendere la squadra competitiva.

Una statistica curiosa fa notare come il numero tre, non sia mai stato il giocatore più pagato del roster, pur essendo stato per diversi anni tra i migliori giocatori dell’intera lega, ed indubbiamente per molti di questi, il migliore di Miami. Adesso, però, diverse fonti riportano una volontà diversa da parte di Wade  che avrebbe chiesto un contratto ben più sostanzioso e per ben tre anni. Sarebbe dunque intenzionato a “passare alla cassa”, come si suole dire in questi casi. Diverse squadre sembrano interessate, le voci più insistenti riguardano i Los Angeles Lakers. Sembra fantascienza invece, un suo approdo a Cleveland. Pat Riley dal canto suo ha dichiarato che confermare il capitano è una priorità assoluta per gli Heat, ma è noto anche come Riley non sia un tipo che badi troppo ai sentimenti, ed è sempre pragmaticamente proiettato a compiere la scelta che più lo possa avvicinare al successo. Sarà dunque un bluff o accontenterà davvero la storica bandiera? Si preannuncia un estate ancora più torrida in quel di Miami, ma forse i tifosi ne avrebbero fatto volentieri a meno.

  •   
  •  
  •  
  •