Euro basket 2015, analisi e preview finale Spagna – Lituania

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

 

 

eurobasket 2015Andrà in scena domani sera a Lille , in Francia, la finale   dell’Europeo di basket tra Spagna e Lituania. Una finale che, probabilmente ,alla vigilia del torneo  nessuno avrebbe pronosticato alla luce delle diverse altre formazioni accreditate a raggiungere l’ultimo atto della più importanate competizione  continentale. E’ la  Lituania più che la Spagna a rappresentare la grandissima sorpresa della finalissima dopo l’incontro di ieri contro la Serbia nel quale i lituani hanno realizzato una vera e propria impresa riuscendo ad eliminare la favorita numero uno per la vittoria finale dell’Europeo .  La Spagna, ovviamente squadra con maggiore tasso tecnico rispetto alla Lituania, dopo le prime gare del girone di eliminazione sembrava non avere molte possibilità di fare strada nel torneo prima di trovare in Gasol l’autentico trascinatore che ha preso per mano i propri compagni fino a raggiungere una insperata finale. Alla luce di queste considerazioni trovare un chiaro favorito per la vittoria finale è compito arduo in quanto i valori delle due formazioni in questo torneo sono stati troppo altalenanti da poter indicare in una delle due squadra la favorita numero uno.  Ad avvalorare la difficoltà di trovare un team favorito sono le statistiche di Spagna e Lituania fino a questo momento della competizione. Numeri quasi fotocopia che testimoniano come la sfida di Lille sarà assolutamente equilibrata. O decisa da un unico trascinatore come avvenuto per la Spagna con Gasol nella semifinale contro la Francia.

Statistiche alla mano Spagna  – Lituania rappresenterà una finale sul filo del rasoio fino agli ultimi secondi di gara.  Nelle otto gare fino ad ora disputate la Spagna ha realizzato 85,1 punti di media ( trascinata dal suo migliore uomo, Gasol) contro i 75 della Lituania . Spagna che complessivamente ha tirato leggermente meglio della Lituania, con il 53,2 % contro il 48,1% dei lituani che però pagano specialmente il difficile rapporto con i tiri dalla lunga distanza. Da tre le percentuali spagnole toccano il 35,5 % contro il 34,6% della Lituania. La battaglia più importante si giocherà sotto canestro dove le due formazioni possono disporre dei loro giocatori migliori. Gasol da una parte e Valanciunas dall’altra. 37,8 rimbalzi di media a partita, di cui 10,5 in attacco, rappresentano il bottino con il quale la Lituania si presenta alla finale di Lille  contro i  36,9 ( 10,9 in attacco) della Spagna. Altro aspetto importante riguarderà la gestione delle azione d’attacco con la Spagna che ha dimostrato di avere una migliore circolazione palla rispetto alla Lituania che invece ha denotato in questo Europeo qualche lacuna a livello di concentrazione che l’hanno portata spesso in doppia cifra per quanto riguarda il numero di palle perse. Sono 14,4 i palloni persi di media a partita per la formazione baltica contro i 9,9 degli spagnoli. Per quanto riguarda invece le statistiche individuali, come detto, Gasol domina quelle spagnole. Il lungo viaggia ad una media superiore ai 25 punti a partita, con  8,4 rimbalzi e quasi tre assist di media. Dietro di lui c’e il vuoto con i soli  Mirotic e Rodriguez che superano  i dieci punti di media a partita ( 13,3 e 10,6). Nella Lituania invece l’uomo di punta è Jonas Valanciunas che ha permesso ai lituani di modificare il loro tradizionale assetto di gioco spostando il focus offensivo sul gioco sotto canestro. Il giocatore di Toronto viaggia a 16,9 punti di media a partita con 8,3 rimbalzi catturati. Dietro Valanciunas c’e Maciulis con 14,5 punti di media ed un ottimo 59,1 % dalla linea da tre punti. I precedenti tra le due formazioni vedono al momento avanti la Spagna. Nelle ultime nove sfide sono state 7 le vittorie iberiche contro le 2 della Lituania. L’ultimo successo della Spagna in una competizione ufficiale risale all’Europeo del 2009 mentre quello lituano è piu recente ed è datato 2010, al Mondiale , quando i lituani sconfissero la Spagna per 76 a 73

  •   
  •  
  •  
  •