Euro basket 2015, Semifinale Lituania super. Serbia eliminata.

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

 

 

eurobasket 2015Incredibile epilogo nella seconda semifinale del campionato Europeo di basket che vedeva di fronte la super favorita per la vittoria finale della competizione Serbia contro la Lituania, castigatrice ai quarti di finale dell’Italia di coach Pianigiani. Sono stati proprio i lituani ad avere la meglio sulla Serbia in un match dal finale thrilling nel quale nessuna delle due squadre sembrava volesse portare a casa la vittoria. 67 a 64 il risultato finale. Decisivo, nel bene e nel male, per la Lituania è stato Seibutis che nelle fasi concitate di fine gara ha prima sbagliato l’impossibile rimettendo in carreggiata la Serbia ma poi ha siglato i liberi decisivi che hanno permesso alla Lituania di raggiungere l’insperata finale dell’Europeo. Ha molto da recriminare con se stessa, invece, la Serbia che non è riuscita a sfruttare la serata no dei lituani in fase di costruzione di gioco ( 20 le palle perse dalla Lituania)  incappando a sua volta in una serata storta al tiro. Mai in questo Europeo la Serbia aveva chiuso con soltanto il 32% complessivo al tiro.  E così dopo sette vittorie di file la formazione di coach Djordjevic deve accontentarsi di giocare la ” finalina” per il bronzo ma soprattutto dovrà rimandare al prossimo anno la possibilità di ottenere il pass per le Olimpiadi di Rio.

Leggi anche:  Basket, Italia-Macedonia del Nord streaming e diretta tv in chiaro? Dove vedere Qualificazioni Europei 2022

La cronaca della gara. Nel primo quarto le due squadre inizialmente riescono a mantenersi a stretto contatto nel punteggio beneficiando dei primi minuti di gara in cui maggiore è stata l’attenzione a studiare reciprocamente i punti deboli dell’avversario lasciando così facili opportunità al tiro. Il primo break lo effettua la Lituania a cavallo di metà quarto grazie ai punti di Valanciunas e Milaknis che danno il più sette alla formazione baltica. La risposta della Serbia arriva ma non è di quelle che così determinate ed al primo riposo si va con la Lituania avanti di 5 ( 22 – 17). Nel secondo quarto l’inizio della Serbia è da incubo. La formazione di Djordjevic non trova la via del canestro per oltre tre minuti e mezzo consentendo alla Lituania di scappare fino al suo massimo vantaggio della gara ( 28 – 17). La Serbia gioca a sprazzi e la Lituania pur non facendo nulla di trascendentale riesce a mantenere la doppia cifra di vantaggio fino al sesto del secondo quarto ( 32 – 21). Negli ultimi tre minuti del parziale c’è stata la reazione della Serbia che, grazie ad un contro break di 11 – 2, ha rimesso la partita in equilibrio chiudendo metà gara sotto soltanto di un punto ( 35 – 34 ) .  Nel terzo quarto le percentuali al tiro  delle due formazioni sono ulteriormente calate rispetto i primi due parziali ed a farne le spese è stata principalmente la Serbia, in grado di realizzare soltanto 9 punti e rimanendo a secco ( a quota 43) per ben quattro minuti. Proprio quando sembrava di essere riuscita a prendere le misure alla Lituania, infatti, la Serbia si è sciolta consentendo ai rivali di ricucire il piccolo strappo operato dai serbi e di compiere l’ulteriore sorpasso che ha permesso ai baltici di chiudere il penultimo quarto avanti di 5 punti ( 48 – 43).  Ad inizio dell’ultimo quarto la Lituania ha portato a nove i punti di vantaggio grazie ad un mini break di 4 – 0 che però ha innescato il colpo di coda dei campioni serbi che si sono riportati a stretto contatto degli avversari dando vita da un finale punto a punto non adatto ai deboli di cuore. La Lituania, sempre comunque in vantaggio, ha scelto di giocare gli ultimi possessi come peggio non poteva continuando ad affidarsi a Seibutis che ha sbagliato cinque tiri consecutivi consentendo alla Serbia di arrivare al meno due ( 63 – 61). Lo stesso Seibutis è riuscito a dare il + 4 subito riacciuffato da Teodosic, con un bomba da tre. Ancora Seibutis dalla lunetta fa 1/2 ma Bogdanovic sbaglia il possesso forse più importante dell’Europeo mandando nell’azione successiva ai liberi Kalnietis. La mano del lituano trema ed infatti ne mette soltanto uno su due ma nei secondi finali la Serbia perde il pallone per l’ultimo tiro dando via libera alla Lituania che, inaspettatamente, andrà a contendere alla Spagna lo scettro di campione d’Europa.

  •   
  •  
  •  
  •