Vanoli Cremona, coach Pancotto: «Contro Venezia attenti in difesa»

Pubblicato il autore: Livio Addabbo Segui

10382333_10152459588653525_7012010462319227294_o
Alla vigilia della trasferta di Venezia, il coach della Vanoli Cremona, Cesare Pancotto, ha tenuto ieri la consueta conferenza stampa pre-gara. Con una dedica speciale a Marco Cusin, che taglia il traguardo delle trecento partite.

«Marco ha cominciato la carriera con me a Trieste nel 2002 e quindi è un piacere e anche un onore che possa tagliare questo traguardo a Cremona e che possiamo farlo insieme» ha dichiarato coach Pancotto. Che sottolinea: «Do atto e merito a Marco di essere cresciuto e di essere diventato un elemento rappresentativo del basket nazionale; questo grazie alla sua educazione sportiva, agli sforzi che fa quotidianamente e all’impegno, all’entusiasmo, alla dedizione, alla bravura che ha sempre dimostrato».

Sugli avversari di domani Pancotto non ha dubbi: «Venezia è certamente una corazzata e contro una corazzata non si va di petto se no si rischia di rompere il vascello. Dovremo invece cercare di colpirla su più punti. Pensiamo a questa partita fuori casa e ad andarci con personalità e mentalità su tutti i quaranta minuti. Sicuramente l’impatto con la partita sarà fondamentale per prendere fiducia poi però dovremo avere continuità quarto dopo quarto».

Leggi anche:  Basket, Russia-Italia streaming e diretta tv in chiaro? Dove vedere Qualificazioni Europei 2022

E il coach di Cremona ha già individuato la chiave tattica della gara: «Il baluardo difensivo, fuori casa, è imprescindibile per cercare di togliere potenzialità alla qualità individuale dei giocatori di Venezia e alla forza della squadra. Questa però deve essere la nostra mission. Unitamente a questo, fondamentale sarà la lotta a rimbalzo e la differenza tra palle perse e palle recuperate per dare meno possibilità a una squadra che a livello individuale è qualitativamente superiore alla nostra».

La squadra di Pancotto è in crescita, come riconosce lo stesso Pancotto: «Abbiamo molto orgoglio e voglia di migliorarci. Dobbiamo prenderla come momento di crescita. Dobbiamo crescere anche in questa partita per continuare ad avere step positivi nel nostro cammino in campionato».

  •   
  •  
  •  
  •