Eurolega, l’ultima spiaggia di Milano e la ‘tolleranza zero’ di Meo Sacchetti

Pubblicato il autore: studioaperto24

mercato seria a basket repesaL’inizio di stagione per l‘Olimpia Milano non è stato di certo all’altezza delle aspettative. Con una sola vittoria nei cinque match di Eurolega, e un inizio di campionato poco convincente, il quintetto di Repesa ha mostrato evidenti limiti caratteriali e difensivi. Le scarpette rosse sono partite alla volta di Vitoria, dopo avere sostenuto l’ultimo allenamento al PalaLido, per la sesta gara di Eurolega che segna l’inizio del girone di ritorno.

Milano dovrà fare i conti con l’assenza di MacVan appiedato da un infortunio. Lo stesso coach Repesa non nega ai taccuini dei giornalisti l’attuale momento difficile della squadra meneghina: ‘Siamo in un momento di difficoltà come ho già spiegato – ha dichiarato Jasmin Repesa – ma possiamo solo aiutarci solo da soli, stando insieme, parlando poco e lavorando tanto‘.

Quello che chiederà il coach ai suoi uomini è una maggiore intensità difensiva, quella che è mancata negli ultimi due match persi contro il Limoges e contro la Manital Torino, in campionato: ‘La chiave di tutto è difendere forte per 40 minuti e cominciare a segnare qualche canestro facile per evitare che tutto continui ad essere difficile. Nella partita di Milano contro il Vitoria eravamo avanti di 20 dopo 35 minuti e poi loro sono rientrati con il pressing. Sarà una partita ovviamente difficile nella quale sarà necessario mantenere la giusta forza mentale e anche fisica per tutti i 40 minuti come è necessario fare in Eurolega‘.

Proprio contro gli spagnoli del Baskonia, l’Olimpia Milano ha ottenuto il primo e unico successo stagionale (per 78-76) in Eurolega.

La crisi di Sassari e le dure parole di Meo Sacchetti

Non è un momento facile neanche per la Dinamo Sassari di coach, Meo Sacchetti, che in settimana ha strigliato i suoi dopo la sconfitta patita contro Bologna, fanalino di coda in classifica. Tre sconfitte in campionato, mentre un filotto di sconfitte in Eurolega, hanno in pratica compromesso il cammino della squadra sarda in Europa. La Dinamo affronterà i turchi del Darussafaka, alla ricerca del primo successo stagionale.

Meo Sacchetti, dopo la gara di Bologna, aveva chiesto umilmente scusa ai propri tifosi, per la prestazione ritenuta ‘vergognosa’ dallo stesso coach. ‘Vorrei giocatori con il sangue dentro – ha dichiarato il coach – o loro hanno bisogno di un altro allenatore o io ho bisogno di altri giocatori‘. Poi ha anche rincarato la dose contro i propri ragazzi, per stimolare una reazione, che, al momento, non è mai venuta fuori: ‘Vorrei giocatori con il sangue dentro – dice il coach – o loro hanno bisogno di un altro allenatore o io ho bisogno di altri giocatori‘.

Uno degli indiziati numero uno, per un possibile taglio nei prossimi mesi, è sicuramente Brent Petway, che non ha mai legato con l’ambiente, e ha inanellato una serie di prestazioni sotto tono, che hanno contribuito in modo deciso al tracollo della Dinamo Sassari in Eurolega.
Le critiche hanno scosso lo stesso Petway, che non ha gradito, replicando in modo piccato: ‘Ognuno pensa di sapere cosa succede, ma se non sei mai stato dentro la routine di una carriera professionistica, tra spogliatoi, partite, lontananza dalla tua famiglia per mesi e mesi, non sai niente‘.
Un messaggio a tutto l’ambiente che ha il sapore di un addio imminente.

  •   
  •  
  •  
  •