La Pallacanestro Cantù testimonial di “Una vita da Social”

Pubblicato il autore: Roberto Minichiello Segui

pallacanestro cantù
I giocatori dell’Acqua Vitasnella Pallacanestro Cantù parteciperanno venerdì 6 novembre 2015 alla tappa comasca di “Una vita da social”, la campagna educativa itinerante, organizzata dalla Polizia di Stato e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nell’ambito del Progetto Generazioni Connesse del Safer Internet Center Italia, sulla sensibilizzazione e prevenzione dei rischi e pericoli della rete. Il progetto Una vita da social è stato istituito dagli organi di Polizia e dal Ministero della Pubblica Istruzione per sensibilizzare ai rischi che una vita social può causare soprattutto ai giovani, in quanto la rete ha in sé molti rischi se non si presta particolare attenzione. L’iniziativa partita nel 2014 per combattere il cyberbullismo che colpisce tanti giovani che per la prima volta si gettano nel mondo del web inconsapevoli dei rischi che corrono. Simbolo e cuore del Progetto è il Truck, un bus allestito a spazio multimediale che sosterà nelle principali piazze cittadine. Al suo interno esperti della Polizia postale daranno consigli e spiegheranno i principali pericoli che si incontrano sulla Rete per navigare in sicurezza. Visto il buon successo sia la Polizia di Stato, sia il Ministero hanno deciso di prolungare questi eventi e nella giornata di venerdì, la Pallacanestro Cantù sarà testimonial per la tappa di Como.

I bianco- blu saranno presenti domani mattina alle ore 10.30 in Piazza Cavour, a Como, per dare il loro sostegno alla campagna su un tema così importante e delicato per i giovani. I ragazzi di Fabio Corbani incontreranno i giovani delle scuole di Como e verranno festeggiati dopo il bel successo ottenuto nella Fiba Europe Cup contro il Le Havre, il commento del mister della Pallacanestro Cantù. “Abbiamo affrontato una squadra che ha giocato molto sul piano fisico, per questo è stata una bella partita, ordinata e ben arbitrata. Potevamo allungare forse in alcuni momenti, ma i francesi hanno sempre trovato dei canestri per contrastare i nostri parziali. Questa volta siamo stati bravi a non farci riprendere e a mantenere il vantaggio. Questo è un successo importante. Noi disputiamo la Coppa per migliorare, ma ci piace ovviamente vincere. Abbiamo ancora due partite casalinghe e vedremo poi a che punto saremo in classifica.”

  •   
  •  
  •  
  •