Risultati NBA 16 dicembre: Bulls e Spurs ok, Klay Thompson schianta Phoenix (VIDEO)

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli

risultati nba 14 dicembreMenù ricchissimo nella notte Nba appena trascorsa. Si rimettono in marcia i Golden State Warriors: se Curry è in serata così così, ci pensa Klay Thompson a togliere i campioni in carica dal pantano. Il figlio d’arte fattura 43 punti con 8/13 dall’arco nello spumeggiante successo sui Phoenix Suns (128-103). Per il cecchino dei Warriors 27 punti nel solo terzo quarto: una serata da ricordare. Come quella di Kawhi Leonard: il “treccinato” dei San Antonio Spurs ne mette 27 (con 4 recuperi e 4 rimbalzi) nella “passeggiata” dei suoi sui Wizards (114-95): senza Badley Beal Washington in attacco fa estrema fatica e rischia di passare un Natale in bianco. Per gli Spurs a referto 11 dei 12 giocatori a disposizione di coach Popovich. A proposito di assenze: iniziano a pare cara quella del centro Gobert gli Utah Jazz, schiantati a domicilio dai New Orleans Pelicans (94-114) che dalla panchina vantano un Ryan Anderson extra-lusso (24 punti per lui). Il team di coach Snyder, da due settimane pare aver smarrito il bandolo della matassa ma nella terra dei mormoni non disperano.

Capitan Wade non tradisce mai. Sono 28 i punti di Dwyane Wade nella vittoria dei Miami Heat sul campo dei sempre più flosci Brooklyn Nets (98-104): serata in chiaroscuro per il nostro Andrea Bargnani che colleziona 10 punti in poco più di 21 minuti di gioco, condizionato anche dai pasticci di tanti suoi compagni. Gara a senso unico invece a Indianapolis, dove i Pacers strapazzano i Dallas Mavericks (107-81) con 20 punti di CJ Miles e 19 di Monta Ellis. Per i texani senza dubbio la prova più incolore dell’anno finora, col solo Felton (16) a portare a casa la sufficienza. A proposito di partite senza storia: non ce n’è tra gli Atlanta Hawks e i derelitti Philadelphia 76ers: in Georgia finisce con un impietoso 127-106. Si svegliano invece tardi gli Charlotte Hornets sul parquet di Orlando: sono le triple di Channing Fye (17) a fare da traino ai Magic, sorprendenti anche in questo mese di dicembre. Charlotte, encomiabile sin qui, inizia a pagare qual cosina soprattutto in zona pitturata.

Oklahoma City: questa è musica. La squadra del momento nella Nba sono senza ombra di dubbio gli Oklahoma City Thunder: con 6 in doppia cifra, Durant e soci schiantano i Portland Trail Blazers (106-90) e portano a casa la sesta vittoria in fila. E’ invece Jimmy Butler (25 punti) il trascinatore dei Chicago Bulls, che sul parquet di casa regolano i Memphis Grizzlies (nella nuova versione col quintetto piccolo) per 98-85: pur tra alti e bassi, i Bulls rimangono uno dei team più solidi a Est. Rifila 7 stoppate il rookie lettone dei New York Knicks Kristaps Porzingis nel successo dei suoi sui Minnesota Timberwolves per 107-102: l’uomo in più per la compagine della Big Apple è Aaron Afflalo, che chiude la serata con 29 punti a referto e tanta presenza anche in difesa. Talentuosi ma ancora confusionari i Wolves: l’impressione è che per i playoff non se ne farà nulla neanche quest’anno.

Clippers accelerano, Celtics frenano. Non bastano 38 punti di un irrefrenabile Isaiah Thomas ai Boston Celtics per avere ragione, nel Michigan, dei Detroit Pistons: vincono i padroni di casa 119-116. Tra i ragazzi della Motor City spicca la performance di Caldwell-Pope, autore di 31 decisivi punti e di due rubate decisive nel momento clou della tenzone. Vittoria robusta e convincente quella dei Los Angeles Clippers allo Staples Center: i ragazzi di coach Rivers giubilano i Milwaukee Bucks 103-90 grazie a un Chris Paul da 21 punti e 8 assist. Peri Bucks, autori dell’unico ko sin qui dei Warriors, un’altra prova impalpabile.

Sotto il recap della sfida tra Warriors e Suns.

https://www.youtube.com/watch?v=LJCOCh8fbuE

  •   
  •  
  •  
  •