Mens Sana Basket indagata per frode: possibile revoca di sei scudetti

Pubblicato il autore: Marcello Mutalipassi Segui

Mens Sana BasketAll’epoca conosciuta come Montepaschi Siena, la squadra dei miracoli che dal 2006 è stata capace di vincere sette titoli consecutivi, rischia di vedersi revocati sei di quei sette scudetti. Cambiato nome in Mens Sana Basket (per questioni di sponsor), è rimasta invischiata nell’operazione “Time Out”. Dal 2012 sono state aperte indagini per pagamenti in nero, accesso abusivo al credito , frode fiscale e associazione per delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta. Nel 2014 la Mens Sana Basket è stata dichiarata fallita ma le accuse non decadono: per il fine settimana è stato convocato, dalla procura federale, Simone Pianigiani.

Il coach della Mps era stato già chiamato più volte negli anni passati. Alla fine del 2014, la procura di Siena ha consegnato alla Fip gli atti conclusivi dell’indagine per evasione fiscale nei quali si concludeva che la posizione dell’ex allenatore della Nazionale veniva archiviata per “favor rei”. Ossia, le dichiarazioni dei redditi contestate erano inferiori ai limiti minimi imposti per punibilità, dato che a giugno dello scorso anno il Governo ha innalzato le soglie da 50 a 150 mila euro.

Le indagini però proseguono riguardo l’ambito sportivo. Infatti, Simone Pianigiani è stato nuovamente convocato per questo fine settimana dal procuratore federale Marco Lucente che lo ascolterà dopo aver preso visione delle carte della Procura senese. A Pianigiani sarà contestata la violazione dei principi di lealtà e correttezza indicati nell’articolo 39 del Regolamento di Giustizia Fip, il quale recita: “inibizione da tre mesi a tre anni a chiunque, violando i principi di lealtà e correttezza, con azioni od omissioni volontarie, dirette o mediate, violi qualsiasi disposizione regolamentare non diversamente sanzionata. In caso di desistenza volontaria, la sanzione è ridotta della metà. Nel caso in cui l’azione o omissione sia diretta a conseguire un illecito vantaggio la sanzione è aumentata“. Alla luce di quanto riportato, il rischio squalifica per Simone Pianigiani è reale.

Le indagini riguardanti l’ambito sportivo però non si fermeranno al solo allenatore ma potrebbero portare ad una stangata che cambierebbe drasticamente l’albo d’oro della serie A di Basket. L’inchiesta Time Out, condotta dal pubblico ministero Antonino Nastasi è vicina alla sua conclusione. Tutti gli atti relativi dovrebbero essere consegnati alla Fip entro fine mese: se dovesse essere confermata la frode sportiva, con illecito vantaggio dovuto al falso in bilancio (truccare i conti per costruire una squadra migliore), sei scudetti assegnati alla Mps saranno a rischio di revoca e di quella famosa serie positiva rimarrebbe solo lo scudetto assegnato nel 2006-07 (questo perché in mano alla procura non vi è documentazione precedente al 2006).

Non è possibile parlare di riassegnazione degli scudetti perché, al contrario del campionato di calcio, il basket prevede due fasi distinte per l’assegnazione del titolo: regular season e playoff. Una magra consolazione per tutti gli avversari che hanno dovuto competere con la squadra senese in quegli anni.
Concludiamo ricordando che la Mens Sana Basket è stata dichiarata fallita nel 2014, esattamente il 4 luglio, con conseguente revoca dell’affiliazione all Fip. Questo è il particolare più strano della vicenda perché da quella data non vi sarebbe controparte processuale per il proseguo delle indagini.

  •   
  •  
  •  
  •