Risultati NBA 26 gennaio: inarrestabile Toronto, si rivede il miglior Bargnani (VIDEO)

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

risultati nba
Notte Nba agrodolce per gli italiani. Dopo tanta panchina e una sequela di prove incolori, si rivede finalmente il miglior Andrea Bargnani: l’ala romana infila 20 punti in 24 minuti risultando il migliore nelle file dei Brooklyn Nets, che non riescono però a piegare la coriacea resistenza dei Miami Heat (98-102). Con 54 punti in coppia, sono Dwyane Wade e Chirs Bosh i mattatori della nottata della Big Apple: i due sono come il vino che più invecchia più diventa prelibato. I loro tiri liberi decisivi nel convulso finale di gara. Non va molto meglio a Marco Belinelli: l’emiliano mette insieme un bottino di 14 punti ma i suoi Sacramento Kings escono pesantemente sconfitti dal campo dei Portland Trail Blazers (112-97). Questi ultimi, con una bella prestazione corale, scappano via già dall’inizio e per Cousins (solo 17 stanotte) e compagni è subito notte fonda: secondo ko consecutivo. Se il team di coach George Karl vuole agguantare i playoff, queste sono partite da vincere: la sera che viene meno l’apporto del centro boa però i Kings soffrono, ci sono pochi dubbi in tal senso.

Leggi anche:  Lega Basket seria A: la Virtus Bologna vince la Supercoppa italiana

Toronto, che filotto. Suonano la nona, i Toronto Raptors, che asfaltano i Washington Wizards (106-89) grazie a una prestazione ancora una volta maiuscola del loro regista Kyle Lowry (29 punti, foto). I canadesi sono un vero rullo compressore: ai capitolini non basta il solito John Wall (18 con 14 assist), sempre più spesso solo a predicare nel deserto. La strada per la post season per i Wizards è molto lunga. Così come la è quella dei New York Knicks, caduti sotto la pioggia di canestri dell’impressionante tandem degli Oklahoma City Thunder dopo un overtime (122-128). Kevin Durant ne colleziona 44 (!), Russell Westbrook ne piazza 30 con 10 assist: quando questi due sono in serata, avere ragione dei Thunder diventa pressoché impossibile. Nei Knicks sono in crescita Galloway (21) e Williams (19), ma senza un apporto di sostanza di Carmelo Anthony e del rookie Kristaps Porzingis, i playoff rischiano di diventare una chimera. Nulla è perso, ma le gare passano e al Madison qualche dubbio aleggia sul reale potenziale di questa squadra. Dubbi ancor più grandi ci sono sin dai primi di novembre sui Milwaukee Bucks, vittoriosi stanotte (107-100) sugli Orlando Magic, i quali con questo ko di fatto certificano la loro crisi. E’ il greco Antetokounmpo (25 punti) ormai il leader indiscusso di questi Bucks: la pattuglia di coach Kidd di mezzi per fa bene ne ha eccome, ma spesso tende a perdersi in un bicchier d’acqua. I Magic, a parte il solito Vucevic da 16 punti e 12 rimbalzi appaiono sgangherati e anche un po’ spompati.

Leggi anche:  NBA: dopo 15 anni JJ Redick si ritira

Dallas, brividi allo Staples Center. Vittoria sudatissima per i Dallas Mavericks sul parquet dei Los Angeles Lakers (90-92), ma decisiva nella corsa alla griglia playoff dell’Ovest. Con 18 Barea e 17 Parsons, i Mavs si guadagnano la pagnotta, complici dei Lakers nel consueto formato passerella e con il solo Clarkson (18 punti) a provare a rendere pan per focaccia ai guizzanti esterni di coach Carlisle. Randle avrebbe anche il tiro della vittoria, ma le speranze del lungo losangelino si infrangono sul ferro. A proposito di squadre derelitte: non lo sono più i Philadelphia 76ers, che ciudono gennaio con almeno una vittoria a settimana e giubilano davanti al pubblico amico i Phoenix Suns (113-103): il migliore è Smith con 20 punti, ben spalleggiato da Covington (19). I Suns sono poca cosa di questi tempi, Goodwin (26) a parte. Infine, successo pesante dei Los Angeles Clippers sul campo degli Indiana Pacers (89-91): al solito decisivo Chris Paul (26). Nel giorno della notizia di un Griffin infortunatosi per picchiare un magazziniere, non è poco.

Leggi anche:  Lega Basket seria A: la Virtus Bologna vince la Supercoppa italiana

Sotto il recap del match tra Nets e Heat.

https://www.youtube.com/watch?v=PNBwrlwNT44

  •   
  •  
  •  
  •