Risultati NBA 8 febbraio: miracolo Portland, Cleveland schiaccia i Kings (VIDEO)

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

risultati nba
A cavallo tra gennaio e febbraio, il vero miracolo della Nba di quest’anno sono i Portland Trail Blazers. Il team dell’Oregon, sul quale buona parte degli addetti ai lavori non avrebbero puntato mezzo dollaro scaraventandolo in zona lotteria in sede di pronostici, continua a stupire tutti. E a giocare un basket da stropicciarsi gli occhi. Ai Blazers serve un overtime per conquistare la loro vittoria n°7 nelle ultime 8 uscite: con 33 punti di Lillard (foto) sbancano Memphis (106-112) e fanno un ulteriore passo avanti verso quella zona post season che a Ovest, per ciò che riguarda l’ottavo posto, rimane apertissima. A Memphis non basta la prova maiuscola del regista Mike Conley (27): il suo duello a suon di canestri con Lillard è lo spettacolo più bello della notte. Chi invece si allontana e non poco da quella fatidica “linea” sono i Sacramento Kings, maltrattati sul parquet dei Cleveland Cavaliers (120-100) da un Kyrie Irving formato mondiali 2014 (32 punti) e da un Lebron James in tripla doppia. Per i Kings Belinelli si ferma a 8 punti, ma in casa Sacramento l’impressione è che il gruppo si stia sfilacciando e soprattutto in difesa conceda davvero troppo all’avversario.

Leggi anche:  Svelata la prossima sede delle Final Eight

Gallinari, stavolta è beffa. Altra notte da ricordare a livello individuale per Danilo Gallinari: l’azzurro piazza 24 punti con 4 triple nella gara che vede però i Denver Nuggets sconfitti al fotofinish sul parquet dei Brooklyn Nets (105-104). Con un tiro della disperazione di Johnson accolto dagli dei del basket, nella Big Apple finisce 105-104: un vero peccato per il team del Colorado, a lungo avanti nel corso della gara proprio grazie alle prodezze dell’ala lombarda. Ad essere inarrestabili a Ovest ci pensano gli Oklahoma City Thunder, vincitori sul campo dei Phoenix Suns (106-122) grazie al solito duo Durant-Westbrook (32 punti per il primo e 29 per il secondo). Il ritmo dei Thunder in queste settimane pre-All Star è arrembante: l’impressione è che i meccanismi siano oliati e il mordente in vista dei playoff in crescita. Phoenix, dal canto suo, ha già tirato i remi in barca e attende solo il draft di giugno. Continuano a vincere anche i Los Angeles Clippers, che sbancano il campo dei Philadelphia 76ers (92-98) grazie alla coppia di frombolieri Redick-Crawford (23 punti a testa) e a un Jordan da ben 21 rimbalzi.

Leggi anche:  Svelata la prossima sede delle Final Eight

Bulls, caduta libera. Non si placa il momento no dei Chicago Bulls, sconfitti pesantemente in casa degli Charlotte Hornets (108-91) al termine di un match davvero senza storia. E’ Kemba Walker (30 con 8 assist) il mattatore dei Bulls, sterili in attacco e immobili in difesa. A predicare nel deserto c’è solo Pau Gasol con i suoi 22 punti e 10 rimbalzi. Chi non crolla e continua a stupire a Est sono i Toronto Raptors, corsari a Detroit (89-103) col solito Lowry (25) sugli scudi e la consueta difesa molto molto aggressiva. Successo di misura invece per gli Indiana Pacers contro i “ballerini” Lakers: a Indianapolis si conclude sull’89-87, con Paul George (21) migliore in campo. Chiude il quadro notturno la vittoria degli Orlando Magic sul parquet degli Atlanta Hawks (110-117): è Vucevic il migliore nel team della florida con 28 punti e 13 rimbalzi.

Leggi anche:  Svelata la prossima sede delle Final Eight

Sotto il recap del match tra Cavs e Kings.

  •   
  •  
  •  
  •