NBA Playoff: Cleveland si prende gara-1 col brivido, ma Detroit c’è

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

nba playoff
Bisogna chiamare in causa le “canoniche” sette camicie: sono quelle sudate dai Cleveland Cavaliers per portarsi a causa gara-1 del primo turno degli Nba playoff contro i Detroit Pistons. Gara equilibrata e intensa: la banda della Motor City fa capire sin dalla palla a due che non ci sta a fare la vittima sacrificale. Lebron James fa gli occhi del giaguaro in più di un’occasione, però in difesa i Cavs sono francamente troppo soft: se gente come Caldwell-Pope (21 punti) o Morris (20) ha vita facile in tanti (troppi) possessi, il campanello d’allarme è servito perché contro avversari di maggior talento la ciurma di coach Lue rischia l’ecatombe in tema di punti subiti. Ma tant’è: a togliere le castagne dal fuoco per Cleveland ci pensa il talento delle tre stelle. Kyrie Irving in primis, mai così ispirato quest’anno come stasera, con 31 punti e 5/10 dall’arco. Il “Prescelto”, invece, veste il saio dell’uomo squadra: per lui 22 punti e 11 assist. Bene anche il più discusso dei big three, quel Kevin Love che con inattesa verve in post basso fattura 28 punti con 13 rimbalzi. Il 106-101 finale però racconta di troppe “amnesie” nel team dell’Ohio: Detroit è una squadra giovane ma che gioca senza strafare costruendosi sempre tiri eccellenti. La serie, dunque è tutt’altro che scontata: quanto fatto vedere dai Pistons deve per forza spingere Cleveland a rivedere qualcosina. Impantanarsi è un attimo.

  •   
  •  
  •  
  •