Draft NBA 2016: Buddy Hield, il fromboliere isolano (VIDEO)

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

draft nba 2016
Nel Draft Nba 2016 si vanno ormai delineando due percorsi distinti. E’ ormai certo che il discorso per la pick n°1 è un affare a due tra Ben Simmons da LSU (favorito) e Brandon Ingram da Duke. Dietro però, dalla terza chiamata in poi, ci vuole la palla di vetro per capire davvero cosa accadrà: ogni giorno nei Mock Draft le previsioni vengono stravolte e riformulate. Certo, bisognerà attendere la notte della Lottery per capire chi sceglierà e in quale posizione, ma intanto le congetture si sprecano: se in molti accreditano il croato Dragan Bender come il più probabile destinatario della terza pick, altri si sintonizzano sulla point guard da Kentucky Jamal Murray. Vi abbiamo poi presentato Kris Dunn e Jakob Poeltl, altri elementi da top 10-15. Da qualche settimana però, sta risalendo la china come un salmone fa con la corrente Buddy Hield, cecchino bahamense autore di un torneo NCAA irreale con la maglia di Oklahoma (fatta eccezione per l’onta della orripilante semifinale persa malamente contro Villanova). Oggi è lui ad ingolosire gli osservatori: Hield è cestisticamente molto maturo, è reduce da più anni di college ed è un attaccante che nella Nba potrà garantire minuti e punti da subito. La canonica guardia tiratrice nel senso più letterale del termine.

Leggi anche:  Dove vedere Phoenix Suns-Los Angeles Clippers gara 1, streaming e diretta tv NBA

IL FROMBOLIERE ISOLANO

Nelle quattro partite prima dell’infausta legnata contro Villanova, il prode Buddy veleggiava a 29,3 punti di media nella March Madness: un cifra da marziano. Se a febbraio i “draftologi” lo davano intorno alla 18-20esima chiamata, già a metà marzo Hield aveva scalato posizioni fino alla top ten. Il suo 46% da tre punti con oltre 8 tentativi dalla lunga a partita danno il polso di che razza di attaccante sia. Inoltre, i suoi 196 cm di altezza e la non trascurabile esplosività lo rendono efficace anche nel traffico: dipende in quale spogliatoio finirà, ma non ci meraviglierebbero 15 punti di media già al primo anno tra i pro.

PUNTO DI FORZA E PUNTO DEBOLE

L’aspetto più delizioso del suo gioco non può che essere il tiro: è in grado di crearselo a piacimento. Se nel primo scorcio di avventura collegiale era micidiale soprattutto in uscita dai blocchi, ora anche dal palleggio è un cecchino che fa malissimo. Se Hield è un terminale fenomenale bravo a finalizzare i passaggi altrui, ha proprio nel passaggio il suo maggiore handicap. Per tempi e letture e non solo nel numero di assist, in questo fondamentale è molto lacunoso, ed è per questo che prima dell’exploit di marzo era così indietro nei Mock Draft Nba 2016.

Leggi anche:  Dove vedere Phoenix Suns-Los Angeles Clippers gara 1, streaming e diretta tv NBA

LO PARAGONANO A…

Per tutto il mese di marzo, gasati dalle super performance, i “talent” del basket NCAA si sono sbizzarriti con i raffronti. Quello con Ray Allen è stato forse il più frequente ma anche il più avventato: la perfezione di tiro di “He got game” pare difficilmente replicabile. Così come quella di Reggie Miller, altro “mostro” al quale Hield è stato accostato. Parliamo di ragazzi di 22 anni, e volare bassi è d’obbligo: a nostro giudizio il ragazzo di Freeport può seguire le orme dell’immenso CJ McCollum di Portland, che in un triennio si è consolidato come uno degli attaccanti più mortiferi della Lega.

A CHI FAREBBE COMODO: PREVISIONI DI SCELTA NEL DRAFT NBA 2016

Hield per maturità e approccio al gioco in molte squadre verrebbe scaraventato subito in quintetto. Se una tra Sixers e Lakers (team candidati alle prime due scelte) dovessero slittare alla tre, è probabile che si fiondino più su un giocatore come la guardia di Oklahoma che su un diamante grezzo come il croato Bender. In squadre simili, per Hield si profilano svariati minuti sul parquet. In altri team da lottery, il discorso è diverso: a Phoenix c’è Booker in piena rampa di lancia, a boston il reaprto guardie è affollatissimo e Minnesota ha il duo LaVine-Wiggins. Cadrebbe a fagiolo invece in squadre come New Orleans e Sacramento, franchigie che infatti lo seguono a orecchie drittissime.

Leggi anche:  Dove vedere Phoenix Suns-Los Angeles Clippers gara 1, streaming e diretta tv NBA

Sotto alcuni highlights di Buddy Hield al college.

  •   
  •  
  •  
  •