Draft NBA 2016: Jamal Murray, l’all-around da Kentucky (VIDEO)

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

draft nba 2016
Draft NBA 2016:
mancano otto giorni alla grande notte, e l’atmosfera nell’universo della Lega di basket più nota al mondo si fa sempre più frizzantina. Intanto ricapitoliamo: se le prime due chiamate finiranno quasi certamente su Ben Simmons da LSU (Phila) e su Brandon Ingram da Duke (Lakers), dalla terza in poi c’è grande incertezza. Fino a due mesi fa il candidato principale per la pick n°3 pareva il croato del Maccabi Tel Aviv Dragan Bender, ma è parecchio acerbo e potrebbe farlo scivolare di qualche posizione. Resta in lizza il tiratore bahamense da Oklahoma Buddy Hield, così come l’esplosiva ala di California Jaylen Brown. Nelle ultime ore però i rumors danno come grande favorito alla terza chiamata Jamal Murray, point guard tutto fosforo da Kentucky University. A conferma c’è l’operato di Danny Ainge, factotum dei Boston Celtics che sceglieranno per terzi: il “biondo” sta tastando ogni GM Nba per tradare la pick che i biancoverdi hanno ereditato dai Brooklyn Nets. C’è anche chi dice che i Celtics chiameranno Murray per cederlo subito dopo, vista la loro abbondanza in backcourt. Certo è che il ragazzo cresciuto nell’Ontario (Canada) è uno dei bocconcini più golosi del lotto.

Leggi anche:  Dove vedere Olimpia Milano-Alba Berlin, live streaming e diretta tv Eurolega?

L’ALL-AROUND DA KENTUCKY

I numeri da freshman con la canotta dei Wildcats sono da stropicciarsi gli occhi: Murray ha chiuso il suo unico anno nel college basket con 20 punti ad allacciata di scarpe e 5,2 rimbalzi. In termini di personalità, siamo di fronte a un giocatore Nba fatto e finito: il golden boy di scuola canadese ama giocare sotto pressione e nei momenti caldi del match non si è mai nascosto quest’anno.  Piccolo particolare: i 195 cm di altezza ne fanno un esterno che può giocare sia nello spot di playaker che in quello di shooting guard.

IL PUNTO DI FORZA E IL PUNTO DEBOLE

Quando è ispirato, in attacco fa canestro in mille e uno modi sfruttando il mix di prestanza fisica e ottima tecnica. Inoltre, va a rimbalzo sempre: il fiuto per le carambole è innato. Al contrario, c’è da lavorare molto su elasticità e reattività: per arrivare ad alti livelli al piano di sopra deve crescere in termini di rapidità, soprattutto nella metà campo difensiva dove non sembra un cuor di leone.

Leggi anche:  Dove vedere Olimpia Milano-Alba Berlin, live streaming e diretta tv Eurolega?

LO PARAGONANO A…

Solito discorso: qui bisogna distinguere tra inguaribili ottimisti e scettici. I più gasati rivedono in lui tracce di Chauncey Billups, altri invece lo vedono più come un Kyle Lowry però meno votato alla regia. Chi invece storce il naso, rivede in lui un Ben Gordon o un OJ Mayo, due esterni dotati di classe fuori dal comune ma persisi via via nel loro cammino Nba. Per capire chi ha ragione bisognerebbe avere la palla di vetro: la verità anche qui potrebbe essere nel mezzo.

A CHI FAREBBE COMODO: PREVISIONI DI SCELTA AL DRAFT NBA 2016

Fino a un paio di settimane fa il suo destino pareva segnato: o ai Minnesota Timberwolves con la n°5 o ai New Orleans Pelicans con la n°6. Ai primi infatti farebbe comodo un giocatore in grado di cambiare sia il play che la guardia, mentre i secondi hanno un reparto esterni tutto da riformulare quindi la “corte” a Murray ci stava tutta. Ora però le voci di corridoio lo danno sempre più probabile terzo gioiello del mazzo: di certo i Boston Celtics per tenerlo dovrebbero sbolognare qualcuno. Cosa difficile: più facile tradare la scelta. Murray è seguito anche dai Toronto Raptors: in Canada c’è la sensazione che davanti stiano bluffando, e che alla n°9 il ragazzo dell’Ontario possa essere ancora su piazza (difficile, scommettiamo noi). Sotto gli highlights 2016 di Murray.

Leggi anche:  Dove vedere Olimpia Milano-Alba Berlin, live streaming e diretta tv Eurolega?

  •   
  •  
  •  
  •