Basket Preolimpico: Italia di cattiveria contro la Croazia. Le pagelle azzurre

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

basket preolimpico
Basket Preolimpico Italia-Croazia:
gli azzurri trovano il successo nella prima gara “vera” del torneo che mette in palio il pass per i Giochi di Rio de Janeiro. La Croazia non è la Tunisia, ma nonostante le sette canoniche camice sudate, Datome e compagni riescono a portare a casa una vittoria cruciale per la formula del torneo: nella semifinale di venerdì, salvo sorprese lo spauracchio Grecia sembra scongiurato. Il 67-60 finale è figlio di una grande prestazione corale: dove non arriva la tattica e la classe dei singoli, c’è però il cuore di un gruppo i cui componenti l’Olimpiade la vogliono davvero, essendo per molti la carta d’identità non proprio verdissima. Dopo un mini-break iniziale griffato Gallinari e Bellinelli, nel secondo quarto l’Italia fa di necessità virtù e grazie alla elettricità ad alto voltaggio di un grandissimo Daniel Hackett la ciurma di Messina resta aggrappata ai pimpanti croati, trascinati da un Bogdanovic versione “mille e una notte” (19 a metà gara per lui). Nella ripresa, l’Italia in difesa aggiusta il tiro, e gli uomini di Aza Petrovic iniziano a sbagliare più del dovuto. Belinelli si carica sulle spalle il peso offensivo dei canestri che valgono doppio per quoziente di difficoltà: negli ultimi concitati minuti, una tripla di capitan Datome e due zingarate di Gallinari sigillano successo e primo posto nel mini-girone per gli azzurri. C’è ancora tanto da migliorare, ma sul piano della grinta e dell’approccio la truppa di Messina (galvanizzata ancora da un palas sold out) dimostra di voler fare la voce grossa contro tutti. Semifinale venerdì, dove con ogni probabilità agli azzurri toccherà il coriaceo Messico.

Leggi anche:  Basket, Russia-Italia streaming e diretta tv in chiaro? Dove vedere Qualificazioni Europei 2022

LE PAGELLE DEGLI AZZURRI

MARCO BELINELLI 8. Ok, ogni tanto forza oltremodo. Nel secondo tempo però i suoi lampi di classe in attacco danno fiducia a tutta la banda azzurra: 19 punti, tutti pesantissimi. E scampoli di gara da play aggiunto: prova totale per l’emiliano stasera.

DANIEL HACKETT 7,5. Infaticabile: è la cordicella che ci tiene legati alla Croazia nel momento migliore di Bogdanovic e compagnia. Difende, va a rimbalzo, segna canestri di pura elettricità: è la sorpresa della serata al Pala Olimpico.

DANILO GALLINARI 7. Quando anche non segna, fa tante piccole cose cruciali per l’inerzia del gioco, sia in difesa che in attacco. Nel finale poi la ciliegina sulla bella torta di alta pasticceria italiana è la sua.

GIGI DATOME 6,5. Nel primo tempo parte sulla falsariga della (bruttina) partita d’esordio con la Tunisia. Nella ripresa però, torna il “Giggione” bello carico che tutti conoscono, collante insuperabile per un gruppo ricco di talenti.

Leggi anche:  Basket, Italia-Macedonia del Nord streaming e diretta tv in chiaro? Dove vedere Qualificazioni Europei 2022

ANDREA BARGNANI 6,5. Meno brillante rispetto a ieri, a c’è. Va a rimbalzo sempre con cattiveria e ogni tanto intimidisce pure: considerando che gioca quasi sempre da “5”, comunque match più che discreto per lui.

ALESSANDRO GENTILE 6. A volte eccede per carica agonistica, ma l’impatto fisico è sempre prezioso per gli equilibri di squadra.

NICCOLO’ MELLI 6. Messina lo chiama in campo per il lavoro sporco, e lui non lesina olio di gomito.

PIETRO ARADORI E MARCO CUSIN 6. Infilati in rotazione, non demeritano nei pochi minuti passati sul parquet.

 

  •   
  •  
  •  
  •